lunedì, maggio 21, 2007

VVP e i convertiti all'Islam

[Il contesto: è notizia di oggi che l'FSB venerdì avrebbe sventato un attentato contro Valentina Ivanovna Matvienko, governatore di San Pietroburgo. I presunti estremisti sarebbero stati trovati in possesso di granate e di 500 grammi di plastico: secondo Vedomosti gli arrestati sarebbero due neo-convertiti all'Islam, mentre Kommersant parla del coinvolgimento di "alcuni ceceni". Il mondo politico è diviso sull'episodio, e le malelingue mormorano che si tratti di un'abile operazione propagandistica della stessa Matvienko, che si è detta "tranquilla e al sicuro" e sabato ha esibito il suo ghigno leggendario (ho letto da qualche parte che è stato scherzosamente definito "il più sexy di Google Image Search"; confermo che ho un debole per questa ex-komsomolka pluridecorata e mechata e per le chiacchiere sulla sua amicizia con Vladimir Vladimirovič) a una corsa di roller che si è svolta per le strade di San Pietroburgo. Naturalmente questo è quasi certamente un falso allarme e io me lo prendo. Intanto, Vladimir Vladimirovič™... ]

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin passò con la sua presidenziale limousine accanto a una storica moschea di Mosca. Nei pressi della moschea sostavano alcune persone. Alcune stavano entrando nella moschea, altre ne stavano uscendo.
- Chi sono queste persone, compagno maggiore? - domandò Vladimir Vladimirovič™ al suo presidenziale autista.
- Sono musulmani, - rispose l'autista, - Si vede che si sono appena convertiti all'Islam.
- Convertiti all'Islam?! - domandò terrorizzato Vladimir Vladimirovič™, - Vai, maggiore, dai gas!
E la presidenziale limousine bruscamente accelerò.

Originale: vladimir.vladimirovich.ru

Nessun commento: