venerdì, maggio 25, 2007

Insieme per l'emivita

Mesi fa eravamo rimasti alla considerazione che il Polonio-210 ha 138 giorni di emivita, ma se li sta godendo tutti: stava nel tè, nella tazzina, nella teiera, nella lavastoviglie, addosso ai camerieri, in un sushi bar di Soho, in quattro alberghi, in un ristorante di Mayfair, su tre aerei, nelle sedi di due società, nell'ufficio di Berezovskij, in varie auto, in uno stadio, ad Amburgo, e perfino a casa di una suocera. Ovviamente anche nella casa di Litvinenko, definita inabitabile.

La svolta di un paio di giorni fa era la notizia che la Procura britannica della Corona ha chiesto l'incriminazione "per omicidio tramite avvelenamento deliberato" dell'ex agente russo Andrej Lugovoj. Solito tira e molla: noi chiediamo l'estradizione, ma tanto la Russia non vuole. O forse chiederà in cambio Berezovskij, ma noi non cederemo perché ormai è degnissimo cittadino britannico.
Intanto Lugovoj promette straordinarie rivelazioni.
Ah già: al festival di Cannes sarà proiettato a sorpresa il documentario di Nekrasov (amico del defunto) sul caso. Chiamiamola coincidenza.

Però.
Perché dovrei fare il post lunghissimo che temete tutti, quando posso tentare un piccolo esperimento?
Sono curiosa di sapere quali sono i fatti e le immagini salienti che ricordate del caso Litvinenko: le prime cose che vi vengono in mente, l'impressione generale, quello che vi ha interessati o lasciati indifferenti, la vostra fantateoria preferita. Tutto, anche i dettagli comici, frivoli o irrilevanti. La foto dell'ex-colonnello dell'FSB agonizzante? Scaramella? Guzzanti? Il sushi? Putin che ammazza la gente (o l'agente)?
Perché io un'idea ormai ce l'avrei, ma (come dice una mia cara amica) vorrei rendere breve e piacevole una storia lunghissima e complicata. Se non vi viene in mente niente passo senza indugio a raccontarvi i fatti miei.

Nessun commento: