lunedì, maggio 07, 2007

Il punto di vista estone

Il punto di vista estone è ben espresso da Itching for Estimaa, che mette in rilievo la multietnicità dell'Estonia:

"Tanto per cominciare, farò un'affermazione di carattere generale. L'Estonia è stata multietnica per secoli. Gli estoni costituiscono in sé un gruppo etnico, ma il territorio ha ospitato vari altri gruppi, soprattutto svedesi, tedeschi e russi.
A complicare le cose, anche il processo di integrazione va avanti da secoli, e precede di molto le 'draconiane' leggi sulla cittadinanza dei primi anni Novanta. La maggioranza degli estoni non è 'etnicamente pura'. Anzi, i loro antenati provengono spesso da paesi diversi.

L'ambasciatore estone Marina Kaljurand, che è stata assediata nell'ambasciata di Mosca, non è d'etnia estone. È metà lettone e metà russa. Il sindaco di Tallinn Edgar Savisaar è per metà russo. Lennart Meri, il secondo presidente dell'Estonia, era svedese da parte di madre. Nelle famiglie, come si sa, si intrecciano spesso elementi tedeschi ed estoni. E, per complicare ulteriormente, anche molti membri russofoni della comunità russa d'epoca sovietica hanno seguito questo percorso di integrazione. Si sono sposati con persone di etnia estone o semplicemente 'estonizzati'.

Due esempi: i politici estoni Mihhail e Aleksei Lotman sono figli del semiotico originario di San Pietroburgo Jurij Lotman. Etnicamente sono ebrei russi. Però Mihhail è entrato nel partito di destra Isamaa-Res Publica e Aleksei rappresenta il partito dei Verdi al Parlamento. Dunque le origini non hanno impedito loro di farsi strada nella società estone.

Chi ha origini miste in Estonia spesso parla più lingue: oltre all'estone conosce il russo e a volte l'inglese. Chi ha legami con altre minoranze parla magari il finlandese o lo svedese. Nel distretto di Noarootsi, nell'Estonia occidentale, c'è una scuola superiore esclusivamente svedese, e in quell'area vivono solo 50 persone di etnia svedese.

Nonostante il patrimonio multietnico dell'Estonia, il paese è ancora piuttosto omogeneo. In 13 delle 15 regioni, gli abitanti di etnia estone compongono più dell'80% della popolazione. Questo è anche il caso della seconda città dell'Estonia, Tartu. Come si è sentito spesso dire la scorsa settimana, le zone in cui si concentra prevalentemente l'etnia russa sono Tallinn e la regione di Ida Viru, a nord-ovest. L'Estonia è composta per il 69% dall'etnia estone e per il 26% da quella russa. Quel 26% vive per lo più in queste aree urbane.

Tallinn è un esempio interessante di come la demografia estone possa cambiare rapidamente. Nel 1989 a Tallinn vivevano quasi 500.000 persone. Lo scorso anno aveva 396.000 abitanti. Sei anni prima gli abitanti erano 400.000. Tra quei 4000 abitanti in meno in sei anni, il declino demografico è stato maggiore tra la popolazione di origine russa.

A Tallinn la popolazione di etnia estone è di 216.000 persone, quella russa di circa 144.000. In sei anni la prima è diminuita di 1000 unità, la seconda di quasi 3000. [...]

Io interpreto la situazione così: invece di sentirsi più forte grazie all'appoggio di una Mosca in ripresa, la comunità russa di Tallinn si sente in realtà più debole in quanto l'equilibrio demografico si sposta costantemente a favore dell'etnia estone. Quindi i russofoni che parlano una sola lingua si scontrano più frequentemente con la realtà del loro status minoritario. Questo accentua la frustrazione, che produce effetti come le rivolte della scorsa settimana.

Un altro fattore è che la politica estone è controllata da individui che non vengono da aree vicine alla minoranza russa. Andrus Ansip è di Tartu. Mart Laar è nato a Viljandi. Il President Toomas Hendrik Ilves è nato a Stoccolma, anche se pare non abbia mai voluto ottenere la cittadinanza svedese.

Dunque, nella recente controversia, sono stati dei politici di Tartu, come Ansip e il ministro della difesa Jaak Aaviksoo, a prendere decisioni che hanno avuto un forte impatto sulle vite degli abitanti di Tallinn, mentre Edgar Savisaar, comunemente considerato più vicino alle esigenze dell'etnia russa - visto che tecnicamente vi appartiene - ha condannato le loro mosse. Si noterà che altri abitanti di Tallinn, come Reet Aus, lo stilista il cui nonno progettò il Soldato di Bronzo, hanno criticato la rimozione del monumento. In questo caso, si potrebbe pensare che la cosmopolita Tallinn sia ostaggio di politici di provincia. Lo si potrebbe affermare, ma io mi rifiuto di farlo.

I monolingue russi si sentono tipicamente trattati con superiorità dagli estoni, mentre gli estoni sono frustrati dall'incapacità dei russi di adattarsi alla cultura estone e dalla loro ammirazione per forze storicamente ostili al popolo estone, come l'URSS.

Le politiche di integrazione dell'Estonia dopo il 1991 sono state condannate da alcuni e lodate da altri. Un fatto spesso trascurato è che funzionano. Gli apolidi diminuiscono anno dopo anno; attualmente solo il 9% dei residenti è privo di cittadinanza, contro il 32% di soli 15 anni fa.

Con i monolingue russi i politici estoni hanno utilizzato il metodo del bastone e della carota. I russi che devono ancora integrarsi vedono però solo il bastone. Dato che non hanno la cittadinanza non possono votare sulle politiche che li riguardano di più.

La riforma scolastica è un altro tema caldo. Avendo a che fare con una minoranza monolingue che ha difficoltà ad ottenere impieghi ben retribuiti e un adeguato status, i politici estoni sono stati portati ad imporre un'alta percentuale di istruzione in lingua estone a livello di scuola dell'obbligo. Questo ha prodotto ulteriori pressioni sull'etnia russa.

Anche qui la questione è complicata, perché per avere successo in Estonia è fondamentale conoscere l'estone, ma visto che ottenere questa competenza linguistica è difficile molti russi lo vedono come una discriminazione che mira a 'escluderli' dalla partecipazione alla vita politica ed economica.

Dunque il punto è controverso, anche se alcuni membri della comunità russa che si sono integrati accusano i loro simili di essere il 'peggiore nemico di sé stessi' e di rifiutarsi di riconoscere alcuni fatti fondamentali dell'Estonia.

Inolte i russofoni monolingue ricevono la maggior parte delle notizie da media russi controllati dal Cremlino. Dal 1991 la Russia conduce una campagna di propaganda anti-estone mirata a screditare il paese nell'arena internazionale con l'obiettivo a lungo termine di riportarla sotto il proprio controllo. Non mi piace pensarlo, ma posso solo concludere che sia così, dopo aver letto centinaia di storie sui media russi.

È mia opinione che la politica estera russa veda ancora i vicini attraverso la vecchia lente delle "sfere di influenza" e cerchi innanzitutto di controllarli senza pensare al risultato finale. I nazionalisti russi pensano anche di avere il diritto di controllare territori che appartenevano all'impero russo nell'Ottocento. [...]

Se da un lato i russi che vivono in Estonia sono sottoposti a varie pressioni - un Cremlino sciovinista, il declino della popolazione, la pressione del governo - dall'altro devono ancora organizzarsi e collaborare efficacemente con le autorità locali.

I partiti supportati dal Cremlino devono fare i conti con un calo di adesioni man mano che le persone si naturalizzano. Leader come Dmitri Klenski - cha parla estone ma blatera di stalinismo - ottengono visibilità mediatica ma scarsi risultati elettorali.

Il Partito del Centro di Edgar Savisaar è una roccaforte dell'etnia russa, ma non ha promesso di cambiare le leggi sulla cittadinanza e sulla lingua. E inoltre nessuno capisce cosa voglia politicamente questo partito.

Alcuni vogliono diventare una minoranza ufficiale, con il russo come lingua nazionale. Ma ci sono anche russi che vi si oppongono e che mandano i propri figli agli asili estoni per avvantaggiarli. E poi ci sono quelli che pensano che l'Estonia appartenga ancora alla Russia e aspettano che i rossi tornino e continuino il lento sradicamento del popolo estone. [...]"

Link

Filed in:

Nessun commento: