venerdì, maggio 04, 2007

I fabbricanti di miti storici

"Ciò che accade ora in Estonia, per usare le parole di Baudrillard, 'è una transizione dallo stato storico a una fase mitica: la ricostruzione mitica e mediatica di tutti gli eventi' che si sono svolti in Estonia prima e dopo la seconda guerra mondiale. 'Ma perché questo avvenga, e perché perfino un crimine possa diventare un mito, bisogna prima sradicare la realtà storica'. Smantellando - o sradicando - il Soldato di Bronzo, il governo estone sta traducendo la liberazione dal fascismo da parte dell'esercito sovietico nell'occupazione sovietica dell'Estonia.

Ciò che accade ora in Estonia è lo sradicamento della realtà storica. E quello che è pericoloso in questo sradicamento 'non è la nostalgia per il fascismo. Quello che è pericoloso - per quanto meschino - è la rimessa in scena patologica del passato in cui ciascuno recita una parte, in cui ciascuno collabora efficacemente', coloro che sfidano l'occupazione quasi 60 anni dopo - un'occupazione che è incarnata dal monumento al Soldato in uniforme sovietica - come coloro che all'epoca diedero il benvenuto al fascismo in Estonia. 'Quello che è pericoloso è l'inganno di massa per cui tutta la ricchezza dell'immaginazione che manca nella nostra epoca, tutto il capitale di violenza e di realtà ora divenuto illusorio, vengono trapiantati nel passato in una sorta di coazione a riviverlo, una sorta di profondo senso di colpa per non esserci stati', secondo Baudrillard. O forse questi pasticci con la memoria storica sono solo una conseguenza della vergogna per aver subito l'occupazione sovietica senza fare molto per contrastarla?"

Dall'articolo di Alevtina Rea, "I fabbricanti di miti dell'Estonia", tradotto per intero qui: la condotta del governo estone valutata attraverso le riflessioni quanto mai attuali di Jean Baudrillard sulla storia e sulla realtà.

Nessun commento: