lunedì, maggio 07, 2007

Estonia, demografia: post di "sapevatelo?"

Questo è un chiaro post di "sapevatelo?". Ci manco solo io che passeggio come Piero Angela su una grande mappa dell'Estonia (magari in uniforme sovietica). Portate pazienza, serve per i discorsi successivi.

In Estonia gli abitanti di etnia estone costituiscono circa il 70% della popolazione totale, che è di circa 1,3 milioni di persone. Gli immigrati di prima e di seconda generazione da varie zone dell'ex-Unione Sovietica (principalmente dalla Russia) costituiscono la maggioranza del restante 30%. Questa minoranza, che parla prevalentemente il russo, risiede soprattutto nella capitale e nelle aree urbane industriali del nord-est. C'è anche un piccolo gruppo di origine finlandese. Una parte significativa dei tedeschi baltici ha lasciato l'Estonia nei primi anni Venti, dopo la riforma agraria e le espropriazioni terriere. La maggioranza se n'è andata dopo l'occupazione sovietica del 1940. Storicamente, gran parte delle isole e della costa a nord-ovest erano abitate da una popolazione indigena di origine svedese chiamata "rannarootslased" ("svedesi della costa"). La maggioranza della popolazione svedese è fuggita in Svezia nel 1944.

La lingua ufficiale del paese è l'estone. Il russo è anch'esso largamente parlato come seconda lingua dai cittadini di etnia estone tra i 30 e i 70 anni, perché in epoca sovietica era insegnato a scuola come seconda lingua obbligatoria. Alcuni russi che risiedono in Estonia non parlano l'estone, ma molti di quelli che sono rimasti dopo il crollo dell'URSS l'hanno imparato.

La questione della cittadinanza
Dopo l'indipendenza, nel 1991, le autorità estoni non hanno automaticamente garantito la cittadinanza a tutti gli immigrati: il problema riguardava soprattutto le persone che erano giunte nel paese dopo il 1940, la maggioranza delle quali era di etnia russa. Per ottenere la cittadinanza estone è stata resa obbligatoria le conoscenza della lingua e della storia estoni. La difficoltà degli esami linguistici all'inizio era tale da provocare le proteste della Russia, dell'Unione Europea e di varie organizzazioni per la difesa dei diritti umani. Sono state allora introdotte delle modifiche, e il numero degli apolidi è diminuito. Secondo le autorità estoni, nel 1992 il 32% dei residenti era privo di cittadinanza. Nell'aprile del 2006 il 9% degli abitanti risultava privo di cittadinanza, mentre il 7,4% era costituito da cittadini stranieri.

Secondo l'Ufficio statistico estone, nel 2006 gli abitanti di etnia russia costituivano il 25,7% della popolazione. Di quel 25,7%, circa il 27% aveva la cittadinanza russa, il 35% quella estone, mentre un altro 35% continuava a non avere cittadinanza. Gli abitanti privi di cittadinanza non possono votare alle elezioni politiche né a quelle europee, ma hanno diritto di voto alle amministrative.

Sul sito del Ministero degli esteri si trovano informazioni più dettagliate sulla legge e sulle procedure di naturalizzazione (in inglese).

Poi c'è questo comunicato di Amnesty International in cui si dice che in Estonia una persona su tre è una potenziale vittima di discriminazione. Lo riassumo.
Nel 2005 quasi il 13% delle persone appartenenti alle minoranze era disoccupato, rispetto al 5% degli estoni. I requisiti linguistici e il problema della cittadinanza limitano l'accesso al mondo del lavoro per i russofoni: persone nate e vissute per tutta la vita in Estonia ma che non sono state in grado di ottenere la cittadinanza estone sono private della possiblità di accedere a impieghi nel settore pubblico, il che significa che non hanno l'opportunità di contribuire alle loro comunità secondo le proprie potenzialità.
Anche nel settore privato i russofoni hanno difficoltà a inserirsi nel mercato del lavoro a causa dei requisiti linguistici, perfino quando si tratta di impieghi a contatto con il pubblico in zone in cui la grande maggioranza dei clienti parla il russo. Questo problema è particolarmente sentito nella città nord-orientale di Narva, dove il 93% degli abitanti è russofono e le persone possono ritrovarsi senza un lavoro solo perché non parlano l'estone. "I russofoni sono intrappolati in un circolo vizioso: non hanno le competenze linguistiche richieste dal governo per accedere a molti impieghi e non hanno il denaro per acquisirle, perché non hanno un lavoro o sono troppo poveri".
Secondo la legge estone, solo chi ha la cittadinanza ha la possibilità di essere considerato parte di una minoranza nazionale. Questo significa che quasi il 20% della popolazione dell'Estonia non gode dei diritti delle minoranze riconosciuti a livello internazionale, nonostante appartengano alla minoranza russa.
Quest'altro comunicato di Amnesty International parla in particolare dell'Ispettorato Linguistico, e fa riferimento alla testimonianza di una russa di Tallinn:
"Lavoravo come tassista, ma ho perso il lavoro grazie all'Ispettorato Linguistico. Ti fanno chiamare dalla commissione dei trasporti per la minima infrazione del codice stradale, e lì ti aspetta l'Ispettorato. È tutto ben pianificato. Chiamano solo i russofoni. Ti licenziano non perché sei un cattivo lavoratore, non perché i passeggeri si sono lamentati, ma perché non sai bene l'estone. Ho tre figli, un mutuo e un marito alcolista, ma non importa a nessuno. Devo pagare i corsi di lingue, e non costano poco: due o tre mesi di paga. Non ho un lavoro e non posso permettermi i corsi di estone. Come vivo? Non è discriminazione, questa?"
Un recente emendamento (è entrato in vigore a marzo) della legge sulla lingua costringe le persone che hanno già un attestato ad affrontare un altro esame; chi non passa l'esame perde l'attestato.

Detto questo, io scenderei dalla mappa dell'Estonia e passerei a citare due testi che illustrano i due punti di vista opposti, quello estone e quello russo. In giornata, diciamo.

Nessun commento: