venerdì, aprile 13, 2007

VVP e l'asfissiato

[Contesto: oggi su Vedomosti è uscito un pezzo del giornalista liberale di Kommersant Valerij Panjuškin. Panjuškin si rivolge in tono un po' retorico a coloro che considera qualunquisti e pavidi, dicendo loro di starsene a casa, domani, e di non partecipare alla Marcia dei Dissenzienti organizzata dallo schieramento antiputiniano "Altra Russia" guidato da Kasparov, Kas'janov e Limonov: "Non ci andate. Ci andranno le persone che si sentono soffocare. Io lo so. Io mi sento soffocare. Ho tutto, tranne la libertà. Ma spiegare perché mi sia così necessaria è difficile come spiegare a un pesce perché abbiamo bisogno dell'aria"].

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin uscì in incognito a farsi una passeggiata sul Čistoprudnyj Bulvar di Mosca. Era circondato da splendide ragazze con la primavera negli occhi, da bambini che correvano allegri nelle loro giacchine variopinte e da innamorati seduti sulle panchine.
Vladimir Vladimirovič™ sorrideva contento.
A un tratto Vladimir Vladimirovič™ scorse su una panchina un giovane calvo con gli occhiali e delle scarpe costose. L'uomo aveva la faccia arrossata e gli occhi fuori dalla testa; dalla bocca gli usciva un gorgoglio indistinto.
- Cosa le succede? - domandò Vladimir Vladimirovič™ all'uomo calvo.
- Soffoco! - rispose l'uomo, guardando impavido Vladimir Vladimirovič™, - Soffoco per la mancanza di libertà! Ho tutto, tranne la libertà!
- Dove la vede, la mancanza di libertà? - Vladimir Vladimirovič™ si guardò attorno sorpreso. Splendide ragazze con la primavera negli occhi, bambini in giacchette variopinte, innamorati che si baciavano sulle panchine.
- Che me ne frega di tutti i tuoi ragionamenti, - disse con voce roca l'asfissiato, che non vedeva né ragazze, né bambini, né innamorati, - Io soffoco.
- Chiamo un'ambulanza, - propose Vladimir Vladimirovič™, sfilando dalla tasca il governativo apparato di comunicazione mobile, - Come fa di cognome, lei?
- Panjuškin, - ansimò l'uomo calvo, - Pan... ju... škin... Va... le..
L'uomo scivolò a terra e dalla bocca gli uscì la lingua ingrossata.
All'improvviso Vladimir Vladimirovič™ ebbe paura.

da: vladimir.vladimirovich.ru

Nessun commento: