mercoledì, aprile 11, 2007

VVP e la lista dei successori

[Contesto: il quotidiano Gazeta è stato attaccato dai politici vicini al Cremlino per aver pubblicato un'intervista allo scrittore Eduard Limonov, leader del partito nazional-bolscevico NBP (dichiarato fuorilegge dalla Procura Generale russa perché ritenuto un'organizzazione estremista). Nell'intervista Limonov, che con Kasparov e Kas'janov forma lo schieramento anti-putiniano "Altra Russia", si era dichiarato a favore della secessione cecena e delle dimissioni di Putin].

Un giorno Vladimir Vladimirovič™ Putin sedeva nel suo studio all'interno del Cremlino e leggeva sul quotidiano Gazeta l'intervista allo scrittore Eduard Veniaminovič Limonov.
- Dice che secondo lui, - scosse il presidenziale capo Vladimir Vladimirovič™, - Bisogna lasciar andare la Cecenia... Ci abbiamo combattuto duecento anni, e adesso bisogna lasciarla andare. Eppure ci contavo ancora...
Vladimir Vladimirovič™ aprì un cassetto del presidenziale tavolo e ne estrasse un foglio di carta bollata con un lungo elenco di cognomi.
- Kas'janov, Kasparov... eccolo, - Vladimir Vladimirovič™ trovò la riga che cercava, - Limonov.
Vladimir Vladimirovič™ sfilò dal taschino della giacca la presidenziale "Parker" e cancellò risolutamente il cognome.
- È anche colpa mia, - mormorò Vladimir Vladimirovič™, - Bisogna ciarlare meno...
E Vladimir Vladimirovič™ schiacciò immediatamente il pulsante per chiamare il vice-capo della sua amministrazione, Vladislav Jur'evič Surkov.
- Ascolta, bratello, - disse Vladimir Vladimirovič™, - Ho cancellato quel Limonov dalla lista dei successori. Aveva cominciato a farsi notare. Bisogna essere discreti...
- Finirai per cancellarli tutti, - disse Vladislav Jurevič.
- E cosa c'è di terribile? - si stupì Vladimir Vladimirovič™, - Certo che li cancelliamo tutti. Tutti meno uno. La Russia non può avere cinque presidenti. Non siamo mica l'Ucraina. Sì, e poi questo giornale che ha pubblicato l'intervista a Limonov: chiudiamolo. Altrimenti vanno avanti e tirano fuori tutta la lista dei successori.
- Cioè, in che senso chiudere il giornale? - Vladislav Jurevič non capiva, - Bratello, guarda che abbiamo la libertà d'espressione e robe così! Noi non chiudiamo i giornali! Forse però questo possiamo comprarlo.
- Comprarlo? - domandò Vladimir Vladimirovič™, - E a che diavolo ci serve? Ma come, non c'è proprio modo di chiuderlo? Tu mi deludi.
- Beh, vuoi... - propose Vladislav Jurevič, - Vuoi che chiudiamo una trasmissione televisiva, magari?
- Ma non se ne accorge nessuno, - disse Vladimir Vladimirovič™.
- Se ne accorgono sì, - assicurò Vladislav Jurevič, - Di quella che chiudiamo noi si accorgono, vedrai.
- Boh, come vuoi, - borbottò Vladimir Vladimirovič™, e interruppe la comunicazione, - Non si può neanche chiudere un giornale... Perché un cretino qualunque può aprire un giornale e non chiuderlo? Non è giusto...

da: vladimir.vladimirovich.ru

Nessun commento: