venerdì, aprile 20, 2007

La Russia di Putin e la Cremlino S.p.a.

Di recente su alcuni blog (in russo e in inglese) che si occupano di Russia si è discusso di una conferenza tenuta a febbraio dal professor Kotkin, docente di Storia all'Università di Princeton. L'ho letta e tradotta per curiosità, con le riserve del caso (l'autore collabora anche con L'Open Society Institute di George Soros). Ci sono delle parti molto interessanti, altre decisamente controverse. Il testo va contestualizzato, tenendo conto del fatto che da mesi i media americani non fanno che chiedersi quando pericolosa sia questa Russia e quanto brutale il suo Presidente. L'intervento di Kotkin è tranquillizzante, ma suggerirei che forse lo è per i motivi sbagliati.
Detto questo, riassumo.
La Russia, secondo Kotkin, non sarebbe né una democrazia né una dittatura, ma un regime autocratico traballante con elementi democratici.
I media occidentali sono ossessionati da Putin, e spesso non hanno una visione obiettiva della realtà russa, il che produce letture erronee e pregiudizi controproducenti.
Tre sono gli equivoci principali, secondo Kotkin:
Equivoco 1: si crede che esista una cosiddetta Cremlino S.p.a., cioè un gruppo di potere unitario e privo di fratture interne. Secondo Kotkin non è così.
Equivoco 2: si ritiene che la società Russia sia instabile. Non è vero, dice Kotkin: la Russia è il secondo paese al mondo per numero di immigranti dopo gli Stati Uniti, un buon 20-25% della società russa si qualifica come solida classe media, prevalentemente apolitica ed estremamente dinamica. Questo fattore contribuisce alla stabilità della Russia.
Equivoco 3: si interpreta la politica estera assertiva della Russia come una minaccia. Secondo Kotkin la Russia sarebbe troppo goffa nel perseguimento dei propri obiettivi di politica estera, troppo priva di amici, e troppo autolesionista per costituire una vera minaccia.
Per quanto controverso e discutibile, il testo offre comunque spunti interessantissimi (proprio per la formazione e l'appartenenza dell'autore), soprattutto quando parla della percezione americana della Russia e analizza la classe media come fattore di stabilità. Anche la parte sulla Cremlino S.p.a. vale una lettura.
Il saggio è qui.
[Al momento, la goffaggine non sembra il tratto distintivo della politica estera russa. Per i bravini della classe, approfondimento qui].

Nessun commento: