venerdì, marzo 23, 2007

Si sta riprendendo

Mamma: Allora, vediamo.
Io: Eccola.
Papà: Fa' vedere. Pesante. Saranno quattro etti. Lina, prendi la bilancia.
Io: Ma dai, adesso.
Mamma: Tre etti...
Papà: Impossibile.
Mamma: ...e settantatré grammi.
Papà: Dicevo, io. Da' qua: ci facciamo un buco qui.
Mamma: Non può appoggiarla sulla scrivania?
Papà: Oppure qui.
Mamma: O sulla libreria.
Papà: O anche qui.
Io: Papà, non so se è il caso di bucarla.
Papà: Non puoi mica incollarla. Se cade finisce al piano di sotto.
Mamma: Se la buchi devi anche metterci una catenella.
Io: Basta, su.
Papà: Comunque l'importante è che ti sei divertita.
Io: Certo.
Papà: Hai comunicato che mi sto riprendendo bene, sì?
Io: Papà, tu forse non hai idea di cosa scrivo sul blog.
Mamma: No, non ce l'ha.
Papà: Mi fido.
Mamma: Lui entra solo nel sito della banca.
Io: L'importante è che poi ne esca.
Papà: So fare, so fare. Scrivo anche le mail.
Mamma: A chi?
Papà: Al mio giro di reumatiche.
Mamma: Scemo.
Papà: Vuoi una foto che mi hanno fatto a Carnevale?
Io: Pubblicabile?
Papà: Certo. Elio prima della cura. Chiaro che se sapevo cosa mi toccava...
Mamma: Cosa!
Papà: Beh, insomma...
Mamma: Ma cosa, Elio, cosa!
Papà: Non è che due giorni prima andavo a far il mona con la parrucca bionda.


Nessun commento: