venerdì, marzo 30, 2007

Ancora a proposito di marinai e Iran

Nel frattempo la televisione iraniana ha diffuso un secondo video, nel quale uno dei marinai confessa lo sconfinamento e si scusa. Osserviamo che anche i nostri giornali mettono tra virgolette il verbo confessare (Lenin's Tomb lo osservava a proposito della stampa inglese), mentre altri generi di confessione - come quella esagerata, psichedelica e ottenuta sotto tortura del fantomatico Khaled Sheikh Mohammed - non godono di questo optional tipografico.

... E ora passiamo a Craig Murray parte seconda (la prima è qui):

I marines catturati
di Craig Murray
[traduzione a cura di Andrej Andreevič]

"Tristemente, ma forse prevedibilmente, sia il governo britannico che quello iraniano si stanno comportando da idioti.
Tony Blair ha detto di 'credere fermamente' che il personale britannico si trovasse in acque irachene. Blair ovviamente non è noto come esperto di legge marittima.

Ma confrontiamo questa certezza politica con la reali conoscenze del comandante della Marina Reale sull'operazione nella quale i marines sono stati catturati.
Prima che potessero fermarlo, il Capitano di Vascello Lambert ha detto 'Per me non ci sono assolutamente dubbi che fossero in acque territoriali irachene. Allo stesso modo gli iraniani possono dire che erano in acque territoriali iraniane. L'estensione e la definizione di acque territoriali in questa parte del modo sono molto complicate'.

È esattamente così. Il confine tra Iran e Iraq nel Golfo Persico settentrionale non è mai stato fissato. (All'interno di Shatt-al-Arab una linea è stata concordata, ma doveva essere aggiornata ogni dieci anni perché la via d'acqua si sposta, secondo il trattato. Dal momento che non viene aggiornata da vent'anni, che sia ancora valida o meno è un punto interessante. Ma sembra comunque che l'incidente sia avvenuto a sud di Shatt.) Si tratta di una disputa perfettamente legittima. L'esistenza di questa disputa sarà chiaramente indicata dalle carte della HMS Cornwall, che si trovano di fronte al Capitano di Vascello Lambert ma non sotto gli occhi di Blair.

Fino a che non verrà deciso un confine, potrete solo essere certi che il personale era in acque territoriali irachene se si trovava entro venti miglia dalla costa e, allo stesso tempo, a più di dodici miglia da qualsiasi isola, lingua di terra, barriera o banco sabbioso reclamati dall'Iran (o dal Kuwait).

Questo è davvero difficile da giudicare dal momento che il governo britannico si rifiuta di dare le coordinate del punto in cui gli uomini sono stati catturati. Se davvero sono così sicuri, lo trovo incomprensibile. Tutti sanno che il Golfo brulica di navi e personale britannico, quindi le posizioni tenute dalle unità pochi giorni fa non possono essere un segreto così prezioso.

Fino a che un confine non viene stabilito, non è facile decidere con certezza dove possa essere. Deve essere stabilito con un negoziato o un arbitrato. Ho partecipato a questi negoziati, per esempio a proposito del confine tra le Channel Islands e la Francia.

In presenza di una linea costiera diritta senza isole, e un confine netto tra due paesi che colpisce la costa ad angolo retto, si avrebbe un chiaro confine marittimo ad angolo retto tra i due paesi. Questo non accade mai.

In pratica bisogna accordarsi su una serie di punti di triangolazione su entrambe le linee costiere e fare un esercizio di triangolazione geometrica per trovare una linea che parta dalla costa. Le coste ovviamente hanno forme strane ed irregolari. Disegnate una linea immaginaria su un foglio e provateci da soli. Capirete presto perché le regole vi permettano di tenere conto della tendenza generale della linea della costa e perfino dell'angolo del confine terrestre. Questo non è geometria, è puro mercato delle vacche.

Anzitutto, ovviamente, le due parti devono accordarsi sui punti di triangolazione sulla costa da prendere in considerazione. È permesso, per esempio, tracciare una linea attraverso l'entrata di una baia e usarla come fosse una costa, ma l'altra parte ha ampiamente il diritto di discutere da quale punto quella linea può essere tracciata.

Questo è solo l'inizio. Per i mari territoriali (ma non le 200 miglia esclusive di zona economica) vengono prese in considerazione anche le rocce disabitate e i banchi sabbiosi. E anche qui si può discutere all'infinito: il possesso di un inutile banco di sabbia non è necessariamente una cosa definita. Porre il punto di triangolazione su un banco di sabbia a dodici miglia dalla costa può fare un'enorme differenza.

Allora la cosa diventa veramente complessa. Cosa succede se il banco sabbioso appare solo con la bassa marea? E se rimane a secco tutto il giorno, ma solo in alcuni periodi dell'anno? E se si muove anche solo di un po'?

Su cose del genere si mercanteggia da impazzire. 'Non potete avere quel banco sabbioso a meno che noi non abbiamo questo più quella lingua di terra'. Poi si può discutere sull'attribuzione di valore. 'Questo pezzo di terra resta emerso solo per un terzo del tempo, quindi vi daremo solo un terzo di valore' – in altre parole vi permetteremo di avere il 33,3% di mare in più di quello che otterreste se non esistesse e se stessimo usando come riferimento un punto sulla costa.

Sono stati scritti corposi volumi sui principi di queste negoziazioni, ma tendono ad ignorare il fatto che in definitiva si finisce per affidarsi alle capacità di negoziazione politica tra una vasta gamma di possibili giustificabili accordi. Questo perché noi non possiamo sapere dove sia il confine tra Iran e Iraq in questa area, che ha abbastanza banchi sabbiosi da rendermi felice per secoli al solo pensarci. Se una delle due parti dovesse aver bisogno di un negoziatore...

Comunque, il Regno Unito ha sbagliato ad esagerare con le provocazioni in acque che sono oggetto di disputa. Avrebbero potuto avere il permesso di entrare in acque iraniane alla ricerca di terroristi, pirati o mercanti di schiavi, ma non per compiere altre azioni militari.

Gli iraniani avevano il diritto di trattenere gli uomini se erano in mari legittimamente reclamati come propri dall'Iran. Anzi, si suppone che se un governo rivendica la sovranità deve anche metterla in atto, visto che il possesso costituisce i nove decimi delle leggi internazionali. Ma ora il governo iraniano ha fatto una sciocchezza, e sta anch'esso agendo illegalmente non rilasciando gli uomini che hanno confessato.

La storia trapelata dall'intelligence russa su un piano statunitense per attaccare l'Iran il 6 aprile è stata molto pubblicizzata in Iran, e poco qui. Personalmente dubito che sia vera. Ma il fatto che gli iraniani decidano di tenere i marinai in tale eventualità mi sembra decisamente un rischio.
Sarebbe del tutto inopportuno. Il governo iraniano, continuando a trattenere il personale britannico, sta stupidamente dando nuovi incentivi a Bush e Blair, i cui tentativi di suonare i tamburi di guerra contro l'Iran sono stati finora accolti con profondo scetticismo dall'opinione pubblica. Non abbiamo bisogno di altre guerre per il petrolio.

Se Blair mirasse davvero a ottenere il rilascio della nostra gente, piuttosto che a diffondere propaganda anti-iraniana, smetterebbe di strepitare e mostrare i muscoli e ci assicurerebbe che intende risolvere non solo questo problema ma tutte le divergenze con l'Iran attraverso mezzi pacifici, dicendo chiaramente che non c'è un attacco imminente.

Ma se il governo iraniano aspetta che Blair si comporti bene, i marines sono destinati a marcire in Iran per sempre. Dovrebbero lasciare andare gli uomini (e la donna) ora, con dimostrazioni di amicizia, spiazzando ulteriormente Bush e Blair".

Link

Nessun commento: