domenica, gennaio 21, 2007

The Litvinenko Round-Up: What It All Boils Down To


"Скажем, в какой-нибудь Америке, где-нибудь на тротуаре между горящей витриной и припаркованным Плимутом, не было и нет места подвигу - если, конечно, не считать момента, когда там проходит советский разведчик".

"Diciamo così: in una certa America, da qualche parte sul marciapiede tra un'abbagliante vetrina e una Plymouth parcheggiata, non c'è e non c'è mai stato spazio per il gesto eroico. Se naturalmente escludiamo il momento in cui ci passa in mezzo un agente dei servizi segreti sovietici".
Viktor Pelevin, Omon Ra.


Ed eccoci qui per il nostro Litvinenko round-up. Mi dispiace, ma l'alternativa era dedicarci tutti insieme allo studio delle sopracciglia e dei denti di Saddam Hussein (grazie, Nicola). Falso allarme domani, se vi comportate bene.

Totale colpevoli identificati: uno, alto, robusto, lineamenti asiatici.

Totale passaporti posseduti da "mister Polonio": tre.

Numero film che saranno tratti dal caso Litvinenko (a oggi): quattro.

Numero libri in preparazione su Litvinenko (a oggi): sei.

Ultima persona a dire "temo per la mia vita": il regista Nekrasov, autore di un documentario sull'omicidio Litvinenko che andrà in onda domani su BBC2, nonché amico della vittima. Titolo del documentario: "My Friend Sacha: a Very Russian Murder". And a Very Lucrative Business, too.

Un uomo, una tragedia: secondo l'attore e regista Michail Kozak, un suo film per la televisione rischia di non uscire sugli schermi russi proprio a causa del parallelismo con l'affare Litvinenko. Dice lui. Il film è ambientato nel mondo degli emigrati russi a Parigi negli anni Trenta. Eh. Putin non ci dormirà la notte, immagino.

Intanto, in rete: Delo Nomer pubblica un'intervista a Valerij Karyčev, uno dei cosiddetti avvocati della mafia. Secondo lui Litvinenko, quando lavorava per l'FSB, aveva contatti con la mafia di Kurgan, alla quale probabilmente forniva informazioni.
Poi Karyčev ha le sue idee anche sul delitto Politkovskaja e sull'omicidio di Klebnikov: il primo sarebbe legato a faccende di denaro più che a inchieste scomode, il secondo invece più alla Cecenia che al suo libro sugli oligarchi. Comunque sia: la "Mafia di Kurgan" ci mancava, tra le ipotesi, ed eccola qui.

L'oligarcometro segnala che: Boris Berezovskij, che da quando è cittadino britannico si chiama Platon Elenin, ha annunciato sul suo blog (platon-elenin.livejournal.com: sì, anche lui žežeista) che per il bene del Regno Unito è disposto (bontà sua) a farsi interrogare dalla polizia russa, purché all'interrogatorio siano presenti anche i suoi avvocati, i suoi assistenti, le guardie del corpo, i rappresentanti di Scotland Yard, funzionari del governo e ufficiali dei servizi speciali. Ha.

Versione provvisoria dell'avvelenamento Litvinenko (nella versione di Oleg Gordievskij, ex-agente KGB e altro esule eccellente): in una stanza al quarto piano del Millennium Hotel di Londra ci sono Lugovoj, Kovtun e Litvinenko. A un certo punto arriva un quarto uomo, presentato come "Vladislav" e descritto come uno che potrebbe aiutare Litvinenko a ottenere un buon contratto con una compagnia di sicurezza moscovita. L'uomo misterioso si offre di preparare un tè. Litvinenko racconterà poi che secondo lui l'acqua nella teiera era tiepida, e che sono state le radiazioni del polonio a portarla a ebollizione.

Da tutto ciò si ricava un particolare inedito: il polonio fa bollire l'acqua per il tè. Costa un casino, contamina mezza città, non è life-friendly. Però dà un nuovo significato all'espressione tea and coffee facilities.

Nessun commento: