martedì, dicembre 19, 2006

Miru non crede alle lacrime

Brežnev va negli Stati Uniti e viene ricevuto da Reagan nel suo studio. Lì vede un tavolo magnifico e ne resta molto impressionato: "Da dove viene un tavolo così bello?" Reagan si avvicina alla finestra e dice "Lo vede, quel ponte sul fiume?" "Certo", risponde Brežnev. "Be', abbiamo speso milioni di dollari per costruirlo. Il denaro che è avanzato e che era stato messo in bilancio è finito in quel tavolo". "Notevole", dice Brežnev. "L'economia deve saper fare economia".
Tempo dopo Reagan ricambia la visita e va a Mosca. Nello studio di Brežnev vede un tavolo ancora più bello del suo, e naturalmente chiede: "Da dove viene quel tavolo meraviglioso?". "Venga qui, caro amico", dice Brežnev avvicinandosi alla finestra. "Lo vede, quel ponte sulla Moscova?" "No" "Eccolo qui".

E poi la storiella di Brežnev che inaugura le olimpiadi di Mosca (Apre la bocca e dice "O, O, O, O, O" finché qualcuno non si avvicina e lo avverte che quelli sono i cinque cerchi del logo olimpico); o ancora i discorsi interminabili, la pila apparentemente inesauribile di fogli ("Come mai il discorso doveva durare 15 minuti e ho parlato per un'ora?" "Perché ha letto anche le tre copie carbone, compagno Brežnev"), la mummificata immortalità, la stagnazione, la "Dottrina".

Post leggero dedicato ai filosovietici post-litteram e alla mia infanzia "brežneviana". E a Leonid Il'ič, nonostante quello che ha combinato.

[In realtà volevo essere l'unico blog italiano a ricordare il centenario dalla nascita, e non è neanche detto che sia riuscita a stabilire il primato.]

Nessun commento: