domenica, ottobre 15, 2006

Tutta un'altra logistica

Oggi mi sono imbattuta nell'intervista di Lucia Annunziata a Flavio Briatore.
Quando l'ho sentito parlare di income, di UK e di Italia che grazie al bel tempo potrebbe diventare la Florida d'Europa ho cominciato a prendere appunti.

– Noi nasciamo con una logistica. Uno nasce ai Caraibi, uno nasce in Africa, uno nasce a Cuneo e uno nasce a Milano. Sicuramente se uno nasce in Africa o a Cuneo è già meno fortunato di uno che nasce a Milano. Perché a Milano uno che anche è senza soldi e deve fare un provino alla Rai cammina e arriva qua, uno di Cuneo deve prendere il treno e l'aereo privato e arrivare qua. [...]
Poi nasci ricco... Un esempio. Un amico mio americano mi chiama, i figli hanno sempre viaggiato con l'aereo privato. Il figlio ha cinque anni, l'aereo privato ha avuto un problema, ha preso un aereo di linea, è tornato a casa e ha detto: "Papà, sul nostro aereo c'era un casino di gente". Ecco, allora questa qui è un'altra logistica.
– Lei trova educativo per un bambino non essere mai stato su un aereo di linea? [l'Annunziata, le domande del cavolo che fa.]
– No no no. Parliamo di logistica.

Nessun commento: