mercoledì, aprile 19, 2006

Ladri di carrelli

Stamattina vado a fare la spesa al supermercato e mi portano via il carrello con due euro dentro. Esco di corsa, prendo un altro carrello, vedo mio padre fermo all'ingresso. Mio padre mi guarda e non mi riconosce.
– Papà.
– Eh?
– Ciao, ehi, sono io.
– Ah, sei tu. No, è che andavi così spedita. E poi sei più... O forse sei meno...
– Papà.
– Ciao.
– Mi hanno fregato il carrello con due euro dentro.
– Urca!
– E c'erano anche il pane, le zucchine, le fragole...
– Una settimana senza Berlusconi e la gente si mette già a rubare i carrelli. È l'anarchia.
– Due euro.
– Magari l'hanno solo scambiato. Adesso c'è la pensionata alla cassa che si sta chiedendo "Dove sono i miei kiwi?"
– Goodbye kiwi, hello fragole.
– Mettici una bandierina, la prossima volta.
– Me la metto in testa, la prossima volta, così mi riconosci.
– Furba mia figlia, e vota anche a sinistra.

Nessun commento: