martedì, aprile 26, 2005

Accordi e disaccordi

Bene, ricapitoliamo (è un post provvisorio, senza link, tanto per raccogliere le idee).
C'è un paese che bombarda e invade senza motivo (anzi, falsificando e mentendo) un altro paese, che usa armi dichiarate illegali, che assolve i torturatori e che esporta i prigionieri per torturarli meglio e più liberamente.
Ci sono dei soldati dai riflessi velocissimi, capaci di intimare tre volte l'alt in pochissimi secondi prima di sparare per uccidere.
C'è la giornalista, anzi, la militante comunista, che continua a raccontare la sua verità.
C'è l'agente C., del Sismi, che guidava la macchina: anche secondo lui la velocità non superava i 40/45 chilometri orari.
C'è l'eroe italiano, un agente molto bravo, una brava persona; ha solo un problema, è morto e sepolto, e quindi facilmente screditabile.
C'è il presidente del Consiglio, che quando le cose hanno cominciato a mettersi male si è ritrovato a Palazzo Chigi il direttore del Manifesto (sfiga, che vi devo dire) e in quella situazione non poteva neanche tirar giù due madonne, figuriamoci concordare una provvisoria versione di comodo con il potere assoluto.
C'è una macchina crivellata di colpi che non è stata ancora consegnata all'Italia.
C'è una strada, che è quella per l'aeroporto di Baghdad: all'improvviso ci sono passati tutti, contractors, giornalisti, mercenari. Sarà anche pericolosa, ma affollata lo è di certo.
Poi c'è un'altra strada, che è quella dov'è passata la macchina con Calipari e Sgrena: una strada messa in sicurezza, dalla quale si accede solo dalla zona verde, dopo diversi controlli.
C'è il Dipartimento di Stato americano, che vorrebbe chiuder tutto come "tragico incidente", tante scuse e una bella medaglia per Calipari.
E poi c'è il Pentagono: secondo la sua versione a sparare fu un soldato solo, che con una mano ha alzato un faro e con l'altra ha fatto partire una raffica; e la Corolla correva, 80 chilometri orari.
C'è la Commissione italiana, che ha dovuto chiedere formalmente che al comportamento di Nicola Calipari fosse attribuito nella relazione l'aggettivo "eroico".
C'è poi il misterioso attentatore che ha lanciato una bomba a mano contro i componenti della Commissione d'inchiesta, proprio mentre stavano esaminando la Corolla: guerriglia irachena, no? Ve l'avevamo detto che era una zona pericolosa, che vi credete?
E poi c'è di nuovo Berlusconi, che oggi alla Camera ha precisato che l'inchiesta non è conclusa. I giornalisti fraintendono, si sa. E Rumsfeld: non si è raggiunto nessun accordo finale.
Nessun accordo, quindi nessun disaccordo.
Ma quale braccio di ferro.

Cosa volete da noi.
C'è un nuovo papa.
C'è un nuovo Berlusconi.
Sta arrivando la primavera.
Rilanciamo in grande stile il Mezzogiorno.
Al limite, se i soldi ci finiscono prima del previsto, o ci mettiamo a stampare euri sottobanco o vendiamo le spiagge da Ostia in giù.

lunedì, aprile 25, 2005

Festa

dobraro"Ecco, io direi che questo sentimento di libertà che avevamo, di sicurezza, perché eravamo con un fucile in mano, perché eravamo armati, perché avevamo di fronte un nemico ben chiaro, come i tedeschi, eliminava ogni dubbio. Era un momento di assoluta libertà, proprio perché era scomparso lo stato: lo stato fascista ma anche lo stato di Badoglio e del re, cioè non c'era più uno stato.. Lo stato erano i tedeschi, che erano degli oppressori, degli invasori, non avevano nessuna legittimità, così come i fascisti che gli davano mano.
Ecco, in quei momenti, girando per queste montagne, c'era la sensazione e l'impressione di toccare con mano la possibilità di costruire qualcosa di nuovo. Una possibilità che per noi era molto poco definita. Non che avessimo delle idee chiare sul domani, su come sarebbe stato. Però avevamo l'impressione - anche se può sembrare un po' retorico - di poter toccare quasi l'utopia. Era quel momento di utopia che nella vita capita una sola volta. Però se capita quella volta te lo ricordi per tutto il resto della vita. Forse è quello che ti dà il senso a tutti i momenti e agli anni successivi di vita in cui l'utopia rimane in quel passato e in un futuro in cui ci si augura possa ritornare."
Paolo Gobetti

Buon 25 a tutti.

domenica, aprile 24, 2005

Pinguini

Ah, le misure di sicurezza negli aeroporti dopo il fatale nine/eleven non finiscono di stupirmi. Ecco come i due pinguini Pat e Penny, provenienti dal Seaworld di San Diego, hanno superato la prova del metal detector del Denver International Airport (via Presurfer). Del resto, è noto che se le ali non servono a volare, probabilmente vengono utilizzate dai loschi antartici per nascondere coltellini a serramanico. No?

Per dire, se le alette servissero a volare, io avrei risolto i miei problemi con Albatros Overload, in cui per tenere un pinguino in volo servono, nell'ordine: uno yeti per lanciarlo in aria, un albatros per trasportarlo e un canguro per tenere il punteggio (insensato, ma così è).

venerdì, aprile 22, 2005

L'intervista a Riverbend

"Penso che l'occupazione e la guerra mi abbiano resa più consapevole del mondo. Penso che l'iracheno medio abbia cominciato a guardare in modo diverso a certe situazioni mondiali - come lo tsunami, per esempio. Prima, sarebbe stato difficile immedesimarsi nelle migliaia di persone che vivevano nella paura e senza il necessario. Ora, vedere queste persone senza casa, senza acqua corrente, senza scuole, ci ricorda i nostri rifugiati in fuga dalle città e dai villaggi bombardati o evacuati.

Personalmente, penso che mi abbia per certi versi indurita. Ora siamo abituati a sentire esplosioni e sirene. Diventa meno spaventoso e traumatizzante con il tempo.

Mi ha aiutata a rendermi conto come vi sia ovunque nel mondo (ma soprattutto negli USA e nel Regno Unito) tanta gente ingenua e disinformata. È stato inquietante ricevere e-mail che contenevano affermazioni semplicemente false. Per esempio, la percezione occidentale della condizione delle donne irachene prima della guerra. Prima di cominciare a scrivere il blog non immaginavo che gli americani credessero che le donne irachene fossero come le afgane o le saudite. Non immaginavo che molti americani pensassero che i loro soldati avessero portato in Iraq i computer e Internet. È stato inquietante e frustrante sapere che così tante persone che appoggiavano la guerra lo facevano per le ragioni sbagliate."

Questa è solo una piccola parte. Tutta l'intervista di Lakshmi Chaudhry di Alternet a Riverbend è qui.

mercoledì, aprile 20, 2005

Nessuno si aspetta l'Inquisizione Spagnola

XIMINEZ: NESSUNO si aspetta l’Inquisizione Spagnola! La nostra arma principale è la sorpresa, sorpresa e paura, paura e sorpresa... Le nostre due armi sono paura e sorpresa, e una spietata efficienza. Le nostre TRE armi sono paura, sorpresa, e spietata efficienza. E una devozione quasi fanatica verso il Papa. Le nostre QUATTRO, no... TRA le nostre armi, nel nostro arsenale, ci sono elementi come paura, sorpresa... Rifaccio l’entrata".
UOMO: Non mi aspettavo un’Inquisizione Spagnola.
XIMINEZ: NESSUNO si aspetta l’Inquisizione Spagnola! Nel nostro arsenale troviamo elementi diversi quali: paura, sorpresa, spietata efficienza, una devozione quasi fanatica verso il Papa, e graziose uniformi rosse – oh cavolo!

Counterpunch ha ripubblicato l'episodio del Monty Python's Flying Circus come "Memo for Pope Rat".

martedì, aprile 19, 2005

R. is in tha house

– Mi sa che non andremo più a messa la domenica, sai.
– Del resto non ci siamo mai andati.
– Volevo dire che adesso non ci farebbero entrare.

Altre parrocchie

Lo hanno chiamato il rottweiler di Dio, il cardinal panzer, il cardinal no: no alla teologia della liberazione, no all'omosessualità ("disordine oggettivo"), no al sacerdozio femminile, no al matrimonio per i religiosi, no alla Turchia in Europa e no anche alla musica rock ("espressione di passioni elementari" e "controculto"). Non va pazzo per il dialogo interreligioso, né per la riforma liturgica di Paolo VI. Sarebbe anche contrario ai preti operai, se solo Wojtyla ne avesse lasciato ancora qualcuno in circolazione. Da ragazzo è stato nella gioventù hitleriana, ma perché era obbligatorio. Non ha sparato un colpo per conto della Germania nazista a causa dell'infezione a un dito. Beh.
Non è italiano.
Non è africano.
Non è latinoamericano.
Un lato positivo c'è. È più facile da imitare del polacco (che mi è sempre riuscito male, in tanti anni).
Ma io, si sa, sono di un'altra parrocchia.

giovedì, aprile 14, 2005

Tutto ciò ha senso

Scrive Terry Jones, regista, attore e Python:

"Un rapporto della commissione delle Nazioni Unite per i diritti umani ha concluso che i bambini iracheni sotto il regime di Saddam se la cavavano meglio di adesso.
Questo è ovviamente un duro colpo per quelli di noi che, come George Bush e Tony Blair, sono onestamente convinti che i bambini stiano meglio quando gli facciamo cadere addosso le bombe, distruggiamo le loro città e mandiamo all'aria ospedali, scuole e centrali elettriche.
Ora sembra che, lungi dal migliorare la qualità della vita dei giovani iracheni, l'invasione dell'Iraq guidata dagli Stati Uniti abbia inspiegabilmente raddoppiato il numero di bambini sotto i cinque anni che soffrono di denutrizione. Sotto Saddam, circa il 4% dei bambini soffrivano la fame, mentre alla fine dello scorso anno erano l'8%.
Questi risultati sono tanto più avvilenti per quelli di noi che lavorano al Dipartimento per Migliorare le Condizioni dei Bambini in Medio Oriente Usando la Forza Militare, visto che anche i precedenti tentativi di Gran Bretagna e America per rendere la vita più facile ai bambini dell'Iraq si erano dimostrati deludenti. Per esempio, perfino la strategia di applicare le sanzioni più draconiane di cui vi sia memoria mancò di migliorare la situazione. Dopo l'imposizione delle sanzioni nel 1990, il numero di bambini morti sotto i cinque anni si moltiplicò per 6. Nel 1995 qualcosa come mezzo milione di bimbi iracheni erano morti in seguito ai nostri sforzi per aiutarli.
Un anno dopo, Madeleine Albright, allora ambasciatore degli Stati Uniti all'ONU, cercò di affrontare la cosa a testa alta. Quando un intervistatore televisivo commentò che in Iraq a causa delle sanzioni erano morti più bambini che a Hiroshima, la signora Albright diede la famosa risposta: "Noi pensiamo che sia valsa la pena pagare quel prezzo".
Ma evidentemente George Bush non era convinto. Così gli è venuta l'idea di bombardarli. E non semplicemente bombardarli, ma catturare e torturare i loro padri, umiliare le loro madri, sparar loro adosso ai posti di blocco. Ma pare che nessuna di queste cose abbia alcuna utilità. I bambini iracheni semplicemente si rifiutano di essere nutriti meglio, più sani e meno inclini a morire. È sconcertante.
Ed ecco perché noi del dipartimento chiediamo a tutti voi, gente, di darci delle idee. Se vi viene in mente qualche altra tecnica militare che finora abbiamo mancato di applicare ai bambini iracheni, vi preghiamo di farcelo sapere urgentemente. Vi assicuriamo che, con il nostro governo, non c'è limite al denaro che siamo pronti a investire in una soluzione militare ai problemi dei bambini iracheni.I bambini che attualmente vivono sotto la soglia della povertà saranno 3,6 milioni nel Regno Unito e 12,9 negli Stati Uniti, e non vi è alcuna possibilità che i nostri governi trovino il contante per mutare questa situazione. Ma di certo questo è un prezzo che vale la pena pagare, se significa che George Bush e Tony Blair potranno così investire in bombe, granate e proiettili per migliorare le vite dei bambini iracheni. Voi capite che tutto ciò ha senso".

mercoledì, aprile 13, 2005

Colpevoli fino a prova contraria

Il 24 marzo scorso a New York A. e T., due ragazzine di 16 anni, sono state arrestate con l'accusa di essere aspiranti terroriste suicide. Secondo un portavoce delle famiglie l'accusa è falsa, e l'FBI avrebbe semplicemente frainteso un compito in classe svolto da una delle due. Le due adolescenti erano immigrate illegalmente negli Stati Uniti dalla Guinea e dal Bangladesh negli anni Novanta (e dunque hanno passato la maggior parte della loro vita negli Stati Uniti; i loro fratelli sono cittadini americani). In un documento ufficiale sta scritto che le ragazze "rappresentavano un pericolo immediato per la sicurezza degli Stati Uniti in base a prove secondo cui stavano progettando un attentato suicida", ma queste prove non sono state specificate. Fonti federali anonime esprimono dei dubbi sulla fondatezza dell'accusa.
Tutto è cominciato quando la famiglia del Bangladesh si è rivolta alla polizia perché la figlia aveva passato una notte fuori casa; questo ha portato la polizia a perquisire gli effetti personali della ragazzina, compreso il suo computer, dove è stato trovato un compito in classe sul suicidio (cioè, non una cintura esplosiva, scritte inneggianti alla guerra santa, proclami contro gli Stati Uniti, copie pirata del Microsoft Flight Simulator: un tema). Non sono valse le rassicurazioni dei genitori, secondo i quali quel tema diceva semplicemente che il suicidio è contrario alla legge islamica.
Dei motivi che hanno portato all'arresto dell'altra ragazza si sa ancora meno; i suoi insegnanti non hanno ottenuto il permesso di parlare con lei, e non risulta che abbia un avvocato. "Questa ragazzina è vissuta negli Stati Uniti dall'età di due anni" – ha detto una professoressa – "È un'adolescente come le altre. Fino a due settimane fa la sua maggiore preoccupazione era quella di fare i compiti o di prepararsi all'esame di scienze." Una sedicenne che per l'entusiasmo di andare a vedere l'installazione di Christo in Central Park non si era presentata all'appuntamento all'ufficio immigrazione, e chissà che non sia stato questo a far scattare le indagini. Va' a sapere come vanno le cose con la Homeland Security.
A. e T. sono rinchiuse in un centro di detenzione in Pennsylvania, colpevoli fino a prova contraria.
Per seguire il loro caso e i problemi dei legal e illegal aliens schedati in base alla loro etnia e alla loro religione e arrestati per errore negli Stati Uniti dopo l'11 settembre è nato questo blog.

martedì, aprile 12, 2005

Photoshop this!

Nel Regno Unito a maggio si vota e il candidato conservatore Ed Matts ha pensato che fosse meglio ritoccare una fotografia (scattata circa un mese fa) per adeguarla alla linea dura del suo partito in materia di immigrazione.
Prima del fotoritocco: il candidato tiene tra le mani la fotografia di una famiglia di immigrati minacciata di espulsione, mentre accanto a lui Ann Widdencombe mostra un cartello con la scritta "lasciateli restare".
Dopo il fotoritocco: la fotografia della famiglia di immigrati è sparita e al suo posto appare un cartello con le parole "immigrazione controllata", mentre la scritta sul cartello della sua collega si è trasformata in "no al caos e alla disumanità". Sono scomparsi anche i manifestanti sullo sfondo.
Forse mi sbaglio, ma finora da noi l'uso di Photoshop in campagna elettorale si è limitato alle chiome e alle rughe di alcuni vanitosi.

lunedì, aprile 11, 2005

La solita calma relativa

Oggi John Petrovato su Znet tratta un tema che mi interessa molto, e sul quale mi è capitato di riflettere un po' in questi giorni leggendo i quotidiani italiani e stranieri.
Mi spiego. Quando si è diffusa la notizia dell'uccisione di tre adolescenti palestinesi da parte dell'Esercito di difesa israeliano, avvenuta sabato appena fuori dal campo profughi di Rafah, i mezzi d'informazione sono stati concordi nel sottolineare che si trattava del più grave incidente da quando, nel febbraio scorso, Abu Mazen e Sharon hanno annunciato un periodo di tregua. Dimenticando di dire che questi mesi proprio calmi non sono stati. E poi: l'esercito israeliano ricorre allo schema collaudato, il cosiddetto "shoot first, ask questions later", e nessuno più si preoccupa: semmai, ci si affretta a citare la dichiarazione ufficiale di Israele, secondo la quale si trattava di persone sospette. E poi: l'episodio si è verificato nella cosiddetta "zona di sicurezza" che si trova in territorio palestinese, e nessuno più si meraviglia. Quella zona di sicurezza viene costantemente allargata abbattendo le abitazioni palestinesi, in violazione della legge internazionale, ed evidentemente la cosa è ormai comunemente accettata dall'opinione pubblica e dai mezzi di informazione.
No: tutti d'accordo, invece, sul fatto che si è trattato dell'incidente più grave dopo un periodo di "calma", e che questo mette in pericolo la fragile pace conquistata a fatica di recente. Fragile pace? Eppure le notizie e i lanci di agenzia li leggo anch'io: o devo forse cambiare pusher?
Ecco perché mi sembra importante quello che oggi scrive Petrovato:

"Quando si parla della cosiddetta calma degli ultimi mesi, si dovrebbe sottolineare che la 'fragile pace' è stata quotidianamente minacciata da centinaia di atti di umiliazione, di paura e di violenza nei territori occupati. Se le uccisioni mettono in pericolo questa 'fragile pace', anche la minaccia e la messa in atto della violenza la mettono in pericolo. Di fatto, ogni volta che i mezzi militari israeliani invadono villaggi e città (cosa che accade tutti i giorni in Cisgiordania) e impediscono alla gente di uscire di casa, la fragile pace è in pericolo.
Ogni volta che una persona è prelevata a caso mentre è in coda a un posto blocco (all’interno dei territori palestinesi) e picchiata e umiliata di fronte alla sua famiglia, la pace è pericolo.
Ogni volta che una donna o il bambino che porta in grembo muoiono perché i militari israeliani impediscono a un’ambulanza di portarli all’ospedale, la pace è in pericolo. Ogni volta che la terra è sottratta a una famiglia palestinese per costruirvi il cosiddetto muro di sicurezza o a beneficio di cittadini ebrei di Israele, la pace è in pericolo.
Ogni incidente in cui i coloni israeliani, che risiedono illegalmente nei territori occupati, attaccano fisicamente i palestinesi e le loro proprietà senza essere puniti, la pace è in pericolo (come è accaduto la scorsa settimana, quando coloni israeliani mascherati hanno attaccato dei palestinesi e le loro case in diverse località della Cisgiordania; o il 7 aprile, quando le guardie private dei coloni israeliani hanno sparato a quattro membri di una famiglia del villaggio di Deir Ballut mentre lavoravano nei campi).
Ogni volta che un genitore sa che suo figlio è stato maltrattato dai militari israeliani, la pace è in pericolo (come è successo ieri, quando i soldati israeliani hanno fatto irruzione in un asilo e hanno trattenuto un’ottantina di bambini in una stanza per 90 minuti).
Ogni volta che le proteste non violente vengono affrontate dall’esercito israeliano con la violenza, con percosse, arresti, e l’uso di proiettili rivestiti di gomma, la pace è in pericolo (come quando cinque manifestanti non violenti sono stati feriti in seguito a un attacco con gas lacrimogeni, granate sonore e proiettili di gomma, l’8 aprile scorso, in un villaggio a ovest di Ramallah).
Ogni volta che un palestinese è imprigionato e torturato in un carcere israeliano senza processo o possibilità di vedere un avvocato o i familiari, la pace è in pericolo. E ogni volta che i media si scandalizzano di fronte alla sofferenza degli israeliani ma chiudono un occhio sulla sofferenza dei palestinesi, ancora una volta la pace è in pericolo".

Ho l'impressione che quella Palestina simbolica di cui parla Ramzy Baroud nel pezzo citato oggi sul blog di Umkahlil (la versione completa è qui) abbia davvero dirottato la Palestina reale: la Palestina "aleggia nella coscienza mondiale come poco più di un simbolo", mentre "la realtà della Palestina - la sofferenza, la perdita, la disperazione e il dolore, i campi profughi, i posti di blocco, gli insediamenti in espansione, il muro, le vite spezzare, le prigioni affollate, la rabbia e il predominante sensazione di essere stati traditi, le bombe umane, l’economia devastata, i frutteti distrutti dalle ruspe, una paura del futuro che dura da cinquant'anni – tutto questo sembra essere la parte meno rilevante".

venerdì, aprile 08, 2005

Modelli di "occupazione democratica"

Oggi Counterpunch pubblica un articolo di Neve Gordon, professore dell'Università Ben-Gurion, in Israele. È interessante il parallelismo che Gordon traccia tra lo schema dell'occupazione israeliana in Cisgiordania e Striscia di Gaza e quello dell'occupazione statunitense dell'Iraq: entrambi si fondano sul principio dell'outsourcing, o terziarizzazione, che consiste nel trasferire alcune funzioni alle autorità locali per mantenere indisturbato il controllo delle risorse.
Israele è dunque la chiave per comprendere la strategia di Bush in Iraq, perché l’attuale amministrazione ha adottato il modello di “occupazione democratica” che Israele ha introdotto in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza:

"Dopo lo scoppio della prima Intifada palestinese, nel dicembre del 1987, Israele dovette dispiegare un numero relativamente ingente di truppe per sostenere l’occupazione, esattamente come gli Stati Uniti stanno facendo in Iraq. Questo fece sì che l’occupazione israeliana si trasformasse da iniziativa economicamente redditizia a perdita finanziaria; così Israele ebbe l’ingegnosa idea di trasferire la responsabilità della popolazione occupata pur continuando a mantenere il controllo sulle risorse naturali (in questo caso, la terra e l’acqua).
In seguito a una serie di negoziati fu fondata Autorità palestinese, un’entità che si prestò al ruolo di gestire la vita quotidiana degli abitanti dei Territori Occupati mentre Israele continuava a controllare più dell’80% della terra. In pochi mesi le istituzioni civili necessarie ad amministrare la popolazione nelle società moderne – e tra queste l’istruzione, la sanità, i servizi – passarono dalle mani di Israele a quelle della neonata autorità, alla quale fu concessa anche una forma limitata di sovranità. Così, senza rinunciare al proprio diritto di governare la Cisgiordania e la Striscia di Gaza, Israele in un certo senso subappaltò la gestione della popolazione all’Autorità Palestinese, riducendo così in modo rilevante il costo dell’occupazione".

A questo punto entrarono in gioco le "elezioni democratiche":

"Le elezioni democratiche che si svolsero nei Territori Occupati nel gennaio 1996 ebbero un’importanza cruciale nel conferire all’AP un certo grado di legittimità. Certo, l’Autorità Palestinese non finì per realizzare tutti i desideri di Israele, e in molti sensi divenne una realtà recalcitrante, ma questo ha poco a che fare con gli obiettivi iniziali di Israele".

Ecco allora perché l'occupazione dei Territori è fondamentale per capire quella dell'Iraq:

"In primo luogo, come Israele, gli Stati Uniti hanno fatto distinzione tra gli abitanti del paese occupato e le loro risorse. L’idea dell’Amministrazione Bush è di permettere agli iracheni di gestirsi da soli, tagliando così i costi dell’occupazione, e allo stesso tempo di continuare a controllare i giacimenti petroliferi.[...]
In secondo luogo, se Israele non è stato di certo il primo paese a inscenare elezioni democratiche in un contesto di occupazione, è stata di certo la prima potenza a reintrodurre questa pratica in era post-coloniale per legittimare un’occupazione in corso. L’Amministrazione Bush ha trovato utile questa strategia perché si adatta perfettamente con il concetto di “diffusione della libertà” in Medio Oriente. Visto che non si può promuovere la libertà e al tempo stesso instaurare un governo fantoccio, Bush è stato molto chiaro a proposito della necessità delle elezioni. Il fatto è che l’obiettivo di queste elezioni non è trasferire potere e autorità nelle mani del popolo iracheno, ma piuttosto legittimare il controllo statunitense della regione".

Quindi l'attuale dibattito tra i liberali sulla legittimità di queste elezioni è poco pertinente: il punto è che, anche se queste elezioni si fossero svolte democraticamente, "gli iracheni non avrebbero ancora voce in capitolo, per esempio, nella questione dell’impiego di truppe straniere nel loro paese. A conti fatti, il nuovo 'governo democratico' in Iraq è stato creato per gestire la popolazione locale così che l’élite economica della potenza occupante possa godere indisturbata delle spoglie di guerra".

giovedì, aprile 07, 2005

lunedì, aprile 04, 2005

Test drive

"Non ti sembra di sentire come un leggerissimo frrrrrrrr di sottofondo quando sei in quinta, intorno ai cento all'ora?"
"Non preoccuparti, la settimana prossima mi faccio installare l'autoradio".

Rifiuti

Giusto quello di cui si sentiva la mancanza in Cisgiordania: una bella discarica israeliana.
Per la prima volta dal 1967 Israele ha deciso di trasferire i propri rifiuti (circa diecimila tonnellate) oltre la Linea Verde e di scaricarli nella West Bank. Il progetto è stato intrapreso nonostante i trattati internazionali proibiscano a uno stato occupante di utilizzare il territorio occupato, a meno che ciò non porti benefici alla popolazione locale, e nonostante manchi ancora l'autorizzazione del Ministero dell'Ambiente.
Inoltre questo utilizzo della cava di Kedumim - situata tra l'insediamento di Kedumim e Nablus - metterà in pericolo le fonti idriche palestinesi, contaminando un'importante falda acquifera: e questo perché la discarica, in origine utilizzata per i rifiuti secchi, riceverà e assorbirà rifiuti domestici umidi, e quindi sostanze organiche.
Si creerà così una situazione assurda. La Cisgiordania è piena di discariche abusive (e pericolose per le falde acquifere) perché i palestinesi non hanno il permesso di realizzare strutture moderne di smaltimento dei rifiuti. Quella di Kedumim sarà in effetti una discarica moderna, ma servirà esclusivamente per i rifiuti provenienti da Israele.
Qui il link all'articolo di Haaretz (via Angry Arab).

domenica, aprile 03, 2005

A song

I had wanted a quiet testament
and I had wanted, among other things,
a song.
That was to be
of a like monotony.
(A grace
Simply. Very very quiet.
A murmur of some lost
thrush, though I have never seen one.

Which was you then. Sitting
and so, at peace, so very much now this same quiet.

A song.

And of you the sign now, surely, of a gross
perpetuity
(which is not reluctant, or if it is,
it is no longer important.

A song.

Which one sings, if he sings it,
with care.

Robert Creeley (1926-2005)

venerdì, aprile 01, 2005

The Beeb Marley

Ammettiamolo, è stato un 1° aprile comprensibilmente sottotono.
Fino a quando la BBC non ha deciso di chiedere un'intervista a Bob Marley.