mercoledì, settembre 21, 2005

Un fallimento senza paragoni

"Non fatevi ingannare una seconda volta. Vi hanno detto che la Gran Bretagna doveva invadere l'Iraq a causa delle armi di distruzione di massa. Avevano torto. Ora dicono che le truppe britanniche devono restare in Iraq, altrimenti sarà il caos.
Questa seconda bugia sta infettando tutti. Ne vanno parlando i laburisti e i conservatori contrari alla guerra e perfino il portavoce liberaldemocratico, Sir Menzies Campbell. Il suo assioma è che i soldati occidentali sono così competenti che, ovunque vadano, ne può solo venir del bene. È loro dovere non lasciare l'Iraq finché l'ordine non sarà stato ristabilito, le infrastrutture ricostruite e la democrazia inculcata.
Notate la congiunzione "finché". Nasconde un sanguinoso mezzo secolo fatto di illusioni e di arroganza. Il fardello dell'uomo bianco è ancora vivo e vegeto nei cieli sopra Baghdad (le strade sono ormai troppo pericolose). Possono morire centinaia di soldati e di civili. Si possono sperperare milioni. Ma Tony Blair ci dice che solo i valori occidentali imposti con la canna di un fucile sono in grado di salvare il povero musulmano dal suo peggior nemico, se stesso.
[...]
Blair ha fatto quello che nessun primo ministro dovrebbe fare. Ha messo i suoi soldati alla mercé di una potenza straniera. Prima quella potenza era l'America. Ora, secondo il ministro della difesa, John Reid, è una banda di coraggiosi ma disperati iracheni sepolti nella Zona Verde di Baghdad. Dice che resterà finché non gli chiederanno di andarsene, finché le truppe irachene non saranno ben addestrate e le infrastrutture ricostruite. Significa fino al giorno del giudizio. Tutti lo sanno.
[...]
Le infrastrutture non sono state ricostruite. A Baghdad l'acqua, la corrente elettrica e le fognature stanno peggio di dieci anni fa. Ingenti somme di denaro - come il miliardo di dollari per forniture militare - vengono rubate e riposte in banche giordane. La nuova costituzione è lettera morta, eccetto la parte della sharia, che è già di fatto in vigore nelle aree sciite.
I soldati britannici combattono una guerra sul cui corso, condotta ed esito i loro governanti non hanno alcun controllo. La strategia di uscita non è più realistica, anzi, è disonesta. Non si parla più di ridurre il numero delle truppe da 8000 a 3000 il prossimo anno.
[...]
Le presunta ragione dell'occupazione dell'Iraq era di portarvi sicurezza e democrazia. Abbiamo smantellato la prima e mancato di costruire la seconda. L'Iraq è un fallimento senza paragoni nella recente politica britannica. Adesso ci dicono che dobbiamo "mantenere la rotta" o accadrà il peggio. Questo è il codice che usano i ministri che si rifiutano di ammettere un errore e che sperano che lo faccia qualcun altro dopo di loro. Per quella volta i curdi si saranno ancora più separati, i sunniti saranno ancora più infuriati e gli sciiti più fondamentalisti. Saranno morti un centinaio di soldati britannici.
L'America ha lasciato il Vietnam e il Libano al loro destino. Sono sopravvissuti. Noi abbiamo lasciato Aden e altre colonie. Alcune, come la Malaya e Cipro, hanno conosciuto scontri sanguinosi e la divisione. Abbiamo giustamente detto che erano affari loro. Lo è anche l'Iraq per gli iracheni. Abbiamo già fatto abbastanza guai laggiù.
Può davvero essere che i soldati britannici siano i migliori del mondo. Ma perché allora Blair li sta portando all'umiliazione?"

Simon Jenkins, "To say we must stay in Iraq to save it from chaos is a lie", The Guardian.

Nessun commento: