mercoledì, agosto 03, 2005

Tecniche creative/Il sacco a pelo

Stanza degli interrogatori 6, Iraq occidentale.
Il generale iracheno Abed Hamed Mowhoush, 56 anni, non si decideva a parlare, nonostante le percosse e le tattiche di interrogatorio “creative” dei suoi carcerieri. Allora la mattina del 26 novembre 2003 una guardia e un addetto agli interrogatori dell’esercito americano presero un sacco a pelo, ci misero dentro Mowhoush, lo legarono con un cavo elettrico, lo stesero sul pavimento e ricominciarono il lavoro.
Due giorni prima, un gruppo paramilitare segreto al soldo della CIA che prendeva parte agli interrogatori aveva percosso Mowhoush fino quasi a fargli perdere i sensi, usando i pugni, una mazza e un tubo di gomma.
L’idea del sacco a pelo fu di un soldato che ricordava come suo fratello ricorresse a quel metodo per farlo sentire vulnerabile e per spaventarlo. Gli ufficiali superiori, del resto, ritenevano che l’uso di “tecniche claustrofobiche” per ottenere informazioni dai detenuti fossero approvate, in quanto parte di ciò che il regolamento militare definisce una tattica “per aumentare il livello di paura”.
L’interrogatorio del sacco a pelo aveva luogo a Qaim più o meno mentre i soldati di Abu Ghraib terrorizzavano i detenuti con i cani, mettevano loro in testa mutande femminili, li costringevano a spogliarsi di fronte alle soldatesse e li umiliavano attaccandoli a un guinzaglio: tutte personali e improvvisate elaborazioni su categorie che stanno nei Manuali dell’esercito, come “alzare il livello della paura”, “abbattere l’orgoglio e l’autostima” o “senso di inutilità”.
Due ufficiali dell’esercito appartenenti al 3° Reggimento Cavalleria di Fort Carson, Colorato, sono stati accusati dell’uccisione di Mowhoush con la tecnica del sacco a pelo.
Però, “anche se l’indagine indica che la morte è direttamente connessa con i metodi d’interrogatorio non convenzionali impiegati il 26 novembre, le circostanze sono ulteriormente complicate dal fatto che Mowhoush fu interrogato e – stando a quel che è stato riferito - percosso da membri di una squadra di Forze Speciali e da dipendenti di un'altra agenzia governativa (OGA)”, sta scritto in una nota dell’Esercito datata 10 maggio 2004.
Altra agenzia governativa.

Qualche ora dopo la morte di Mowhoush, l’esercito americano emise un comunicato stampa in cui si affermava che il prigioniero era morto per cause naturali dopo aver accusato un malore. Ufficiali dell’esercito esperti in operazioni psicologiche si affrettarono a diffondere volantini per far sapere alla gente del posto che il generale aveva parlato, facendo i nomi di altri insorti.
Gli Stati Uniti avevano inizialmente comunicato alla stampa che Mowhoush era stato catturato durante un raid. In realtà, si era presentato volontariamente alla Base di Qaim il 10 novembre 2003 chiedendo di poter parlare con i comandanti americani per ottenere la liberazione dei suoi figli, arrestati 11 giorni prima. Il 14 agosto 2003 i responsabili degli interrogatori ricevettero un’e-mail dei loro superiori a Baghdad, in cui si diceva che bisognava “passare alle maniere forti” e si chiedeva loro di elaborare una “wish list” di tattiche che avrebbero voluto usare. Un addetto agli interrogatori rispose con vari suggerimenti (isolamento, privazione del sonno, uso di cani per spaventare il detenuto) e aggiunse che era proprio ora di passare alle maniere forti.

Si passò alle maniere forti. Se non ottenevano le informazioni che cercavano, gli addetti agli interrogatori consegnavano i detenuti a una piccola squadra di paramilitari iracheni al soldo della CIA, nome in codice Scorpioni. A volte, le guardie e i funzionari dell’intelligence utilizzavano la semplice esistenza della squadra come minaccia per indurre i detenuti a parlare, come è stato rivelato da un soldato americano: “i detenuti sapevano che se finivano nelle mani di quella gente sarebbe accaduto qualcosa di brutto […] serviva da minaccia per convincerli a parlare. Non volevano andare con gli uomini mascherati.” Gli Scorpioni avevano soprannomi come Alligatore e Cobra. Furono costituiti dalla CIA prima della guerra, con il compito di condurre piccoli sabotaggi. Dopo la caduta di Baghdad hanno svolto attività di infiltrazione tra gli insorti e di interpreti. La CIA ha tentato in tutti i modi di nascondere la loro esistenza.

Il rapporto dell’esame autoptico sulla morte di Mowhoush redatto dall’Istituto di Patologia delle Forze Armate statunitensi è stato manipolato per evitare i riferimenti alla CIA e alla squadra di torturatori.

CIA, insomma. Si fa per dire. Altra agenzia governativa, ecco.

Link:
"Documents Tell of Brutal Improvisation by GIs", di Josh White, Washington Post.

Sugli Scorpioni, sui milioni di dollari spesi dalla CIA per costituire la squadra, e sui loro compiti (dal sabotaggio, agli interrogatori, al "lavoro sporco"): "Before the War, CIA Reportedly Trained a Team of Iraqis to Aid U.S.", Dana Priest e Josh White, Washington Post.

Nessun commento: