domenica, agosto 28, 2005

Stop, hey, what's that sound?

La guerra in Iraq ricorda sempre più quella del Vietnam, o forse, come ha scritto David M. Shribman, "L'impatto del Vietnam sulla cultura americana [...] è così irresistibile che abbiamo irragionevolmente fatto in modo che l'Iraq sembrasse il Vietnam": e allora "sappiamo già quello che dirà il presidente ('manteniamo la rotta'); sappiamo quello che diranno gli oppositori ('una guerra immorale nutrita di bugie'), sappiamo perfino quello che canterà Joan Baez ('where have all the flowers gone?'). È il remake di un film che è stato girato quando John F. Kerry e Donald H. Rumsfeld erano giovani."
(Link)

Ne hanno parlato il senatore repubblicano Chuck Hagel e Henry Kissinger (anche se quello che gli riporta alla mente la "spiacevole sensazione" è la mobilitazione dell'opinione pubblica contro la guerra, figuriamoci), la Gallup ci ha fatto un sondaggio: a torto o a ragione il "Vietnam template", come lo ha chiamato Tom Engelhardt, viene spesso applicato alla guerra di occupazione dell'Iraq.

Oggi Lewis M. Simons sul Washington Post dice di aver sentito a Baghdad gli echi della Saigon del '67 ("Siamo incapaci di capire oggi in Iraq quello che siamo stati incapaci di capire allora in Vietnam: che un popolo che vuole cacciare gli invasori stranieri dal proprio paese è pronto a sopportare ogni tipo di privazione e di pericolo, per tutto il tempo necessario.")
(Link)

E Frank Rich sul New York Times parla di "vietnamizzazione" delle vacanze di Bush: con Cindy Sheehan alle porte del suo ranch, la situazione in Iraq che è quella che è e Pat Robertson che straparla solo per dire che bisognerebbe far fuori Chavez "per evitare un'altra guerra da 200 miliardi di dollari", "il presidente per la prima volta è stato costretto a fare quello che per lui è il sacrificio estremo: sprecare giorni di vacanza per andare a difendere la guerra in tutti i fortini dello Utah e dell'Idaho che riesce a trovare."
(Link)

Con questo insistente parlare di Vietnam, non mi meraviglia che si sia risvegliata dal suo torpore cosmetico anche Jane Fonda, intenzionata ad accompagnare George Galloway nel suo tour americano contro la guerra in Iraq.
Il commento di Galloway, britannico, ex laburista ora eletto nella coalizione Respect*, è stato: "È con piacere ed emozione che torno in America per manifestare contro una guerra e un'occupazione illegali. Avere con me Jane Fonda è fantastico. Finalmente riuscirò a farmi fare l'autografo."
(Link)

*questo blog ha un debole per George Galloway, per ora.

Nessun commento: