lunedì, giugno 13, 2005

Tutte le amarezze, qui

Ancora la storia del fiocco di neve e della valanga.

Il quesito era complesso, la questione delicata; c'è chi ne ha fatto un problema di fede cattolica; chi ha seguito indicazioni di partito o di parrocchia; chi ha ubbidito a una coscienza improvvisamente desta ed esigente; chi è andato al mare; chi aveva altro da fare; chi si è dimenticato; chi voleva fare un dispetto; chi ha pensato che non lo riguardasse; chi ha creduto che non servisse a niente.

Comincio davvero a pensare che in Italia ci sia qualcosa che non funziona: nell'informazione, nella capacità di mobilitarsi e di impegnarsi con costanza, di attivarsi, di partecipare, di credere fermamente in qualcosa, di opporsi fermamente a qualcosa con mezzi democratici.

Insomma, una percentuale intorno al 26% va bene per uno share televisivo, non per un referendum su una questione così importante (e anche ammettendo che il tema della procreazione assistita coinvolga solo da una piccola percentuale della popolazione, il quesito che riguarda la ricerca scientifica sulle cellule staminali di origine embrionale dovrebbe essere faccenda di tutti, credo).
Magari è un problema di modalità. Se per esempio fosse stato possibile votare da casa, davanti alla tv, con una Barbara D'Urso basculante in push-up e tacchi a spillo che avesse dichiarato aperto il televoto, forse il quorum lo avremmo raggiunto. Se qualcuno non si fosse distratto durante la televendita.

Resta l'impressione di una sconfitta generalizzata, la sensazione di vivere in un paese che da oggi mi piace ancora meno e di cui mi fido poco, un paese di astenuti innafferrabili e spensierati.

In una valanga nessun fiocco di neve si sente responsabile.

Per gli insulti, le amarezze e gli scatti di rabbia accomodiamoci pure nei commenti.
Se ve la sentite, potete anche tentare di picchiare qualcuno.
Però da domani ricominciamo a prendercela con le valanghe.

Nessun commento: