martedì, marzo 22, 2005

La furia fantasma su Fallujah

Sono passati cinque mesi dall'attacco statunitense a Fallujah, identificato con il nome in codice "Phantom Fury", furia fantasma.
This is rumor control oggi pubblica un'intervista al giornalista indipendente Dahr Jamail, appena tornato dall'Iraq, secondo il quale esistono le prove che le forze armate statunitensi usarono armi illegali: napalm, bombe a grappolo, armi chimiche. La testimonianza di Jamail conferma le dichiarazioni di un ufficiale del ministero della sanità iracheno, che qualche settimana fa aveva parlato di un probabile uso di gas nervino e gas mostarda ("tutte le forme di vita erano state cancellate", ha detto il Dr. ash-Shaykhli. "Posso dire che abbiamo trovato decine, se non centinaia, di cani, di gatti e di uccelli morti per i gas").
Jamail definisce Fallujah una specie di campo di concentramento, sottoposto a un controllo militare severissimo. Circa il 60 per cento della città è stato raso al suolo dai bombardamenti, mancano l'acqua e l'elettricità. Le persone vengono sottoposte a scansione della retina e al rilevamento delle impronte digitali: solo così possono ricevere un documento d'indentità. Essenzialmente tutti coloro che si trovano a Fallujah vengono schedati come terroristi, anche se la maggioranza della popolazione non è costituita da combattenti.
Dahr Jamail fa poi riferimento a numerose fotografie raccolte sul suo sito internet: fotografie di cadaveri senza traumi evidenti, uccisi da qualcosa che non ha lasciato il segno sui corpi, e di moltissimi cadaveri carbonizzati. Ci sono anche fotografie di corpi lasciati nelle strade per settimane e mangiati dai cani. Il link a quelle immagini è qui.
La croce rossa irachena e i dottori che hanno operato nella città e nei suoi paraggi durante l'assedio parlano di 2500 civili morti, e di 300-400 combattenti uccisi.

Nessun commento: