giovedì, gennaio 27, 2005

La bambina con il fucile

Come fa un quotidiano a convincere i pubblicitari ad acquistare spazi sulle proprie pagine? Si presenta come un giornale in grado di offrire le notizie locali e quelle mondiali, di parlare di politica e di fatti di costume: un quotidiano locale con una più ampia visione del mondo, e dunque in grado di attrarre un pubblico vasto, appetibile e scelto.
Electronic Intifada segnala e denuncia la pubblicità del San Francisco Examiner e del Washington Examiner apparsa su Media Week: a sinistra una bambina che suona il violino, a destra una bambina che imbraccia un fucile; a sinistra, la sigla PTA (Parent Teacher Association, l'Associazione dei genitori e degli insegnanti), a destra la sigla PLO (Palestine Liberation Organization, l'OLP). From PTA to PLO, dal violino al fucile: non c'è giornale locale che sia in grado di dare notizie di così ampia portata.
Lo sfruttamento dell'infanzia a scopi pubblicitari è già odioso, ma questa demonizzazione dei bambini palestinesi è offensiva, di cattivo gusto e falsificante. Tra il 29 settembre 2000 e il 31 dicembre 2004 sono stati uccisi 625 bambini palestinesi in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza. Non ce l'avevano, il fucile.

Nessun commento: