sabato, dicembre 27, 2003

Serenità e pienezza

"Avere riguardi per tutte le creature non
è soltanto un modo di dire,
ma significa molto più
di quanto si potrebbe supporre.

Per esempio, all'epoca della festa
dei ciliegi in fiore, così popolare,
nessuno stacca fiori dagli alberi,
anche se i rami bassi sembrano invitare
i passanti proprio a questo.
Anche nelle persone comuni si può osservare un
sentimento molto delicato nei confronti dei fiori,
e l'amore per la natura si esprime
in loro sinceramente e senza artificio.
E' raro che un passante colga
un fiore sul proprio cammino, egli preferisce
lasciarlo vivere dove è spuntato;
neppure i bambini strappano le piante
nei boschi; in tal modo si vuole
essere vicini all'essenza del Tutto".

Gusty Herrigel, Lo Zen e l'arte di disporre i fiori

martedì, dicembre 23, 2003

Se questo è un gioco




Non vedo l'ora di iniziare nipotine alle gioie e ai dolori del mocio vileda.

Enough is enough

Anche quest'anno le intenzioni erano buone. Ho perfino comprato e addobbato un albero ecologico alto 180cm modello "zar della steppa" (mettendo da parte per una volta le simpatie bolsceviche). Ho dedicato due giornate alla scelta di regali sensati se non fantasiosi.
Ma oggi ne manca uno alla vigilia, e non sopporto:
– le mail di lavoro con gli auguri di buon Natale;
– in particolare, quello che per fare l'originale mi ha mandato la ricetta del panettone (perché non poteva allegarlo);
– e quelli che sentono la necessità di scrivere BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO tutto maiuscolo;
– i pixel e pixel di babbi natale, renne, slitte, pupazzi di neve e abeti variamente addobbati, ovunque;
– gli uomini che anche quest'anno in ufficio o in redazione si sono fatti fotografare nudi dalla cintola in su, con il berretto di Babbo Natale e le pance pallide esibite sotto una luce al neon effetto-morgue;
– le donne che si fanno fare il calendario "per regalarlo al fidanzato";
– le donne che l'altr'anno si sono fatte fare il calendario, e quest'anno il puzzle. "Per regalarlo al fidanzato";
– il traffico di sms la sera della vigilia;
– le cene che cominciano con i gamberetti, continuano con il salmone, e da un momento all'altro ti aspetti che salti fuori il coniglio con le cozze;
– il concerto di Natale in Vaticano alla tv come tragico sottofondo.
Ne manca uno alla vigilia e darei volentieri fuoco allo zar della steppa. A giudicare dal raschiare asmatico delle luci intermittenti, credo che ci penserà da solo.

lunedì, dicembre 15, 2003

- 9 alla Vigilia

Nota bene
Oggi non parlerò del Bafometto estratto dalla cantina di Tikrit questo weekend. Ma, ma... sento sospiri di sollievo?

Das Unheimliche
Il ritorno del rimosso, la coazione a ripetere, il familiare che improvvisamente cambia senso e diviene spaventoso e angosciante. È il perturbante secondo Freud.
Ma metteteci un alberello a fibre ottiche e un eccesso di decorazioni ed è il Natale a casa di mia suocera.

La mia impassibile metà anche quest'anno per il suo compleanno ha ricevuto un maglione da perfetto catechista (girocollo, color cincillà suicida, più grande di due misure) con la solita compostezza tibetana.
Intanto per Natale ci è stato prospettato con una certa insistenza un regalo inquietante: una pentola a pressione per due persone ("è una di quelle cose che se non te le regalano non te le compri": chiediti se c'è un motivo valido). L'oggetto domestico ha cominciato a visitare la mia coscienza, portando con sé due rivelazioni di un certo impatto:
1. il concetto di sorpresa: forget about it.
2. Babbo Natale: è mia suocera.
- 9 alla Vigilia. Il gioco si fa duro.

giovedì, dicembre 11, 2003

La stoffa dei palestinesi

Pensandoci bene, perdere di vista tren-ta-quat-tro cinesi non è poi così grave.
Il 1° novembre scorso l'Aeroporto di Los Angeles ha preso in consegna un'intera mostra itinerante del Palestine Costume Archive per effettuare i controlli di sicurezza ai raggi x. Ecco come ti perdo mezzo secolo di storia palestinese al Terminal 4. La notizia è riportata da Electronic Intifada, la fonte è un comunicato stampa dello stesso Archivio. Si trattava di Symbolic defiance: Palestinian costume and embroidery since 1948: materiale mai esposto in precedenza, tra cui abiti tradizionali degli anni '50, '60, '70 e '80, rari vestiti dell'Intifada e ricami politici.
Dell'esposizione si sono definitivamente perse le tracce; dopo tre settimane sono state sospese le ricerche.

Ma l'Archivio ha deciso di curare nuovamente la mostra, questa volta dividendola in due parti: una con il materiale tessile (che sarà esposta in tutti i paesi, tranne gli Stati Uniti), l'altra con materiale esclusivamente grafico (che circolerà negli Stati Uniti), più facilmente rimpiazzabile se sarà nuovamente smarrita.

mercoledì, dicembre 10, 2003

For gamers only



[Vedo dagli accessi che c'è una certa domanda di soluzioni di Dark Chronicle, noto anche come Dark Cloud 2... chiedete e vi sarà detto. Sono a 70 ore di gioco, ho cominciato a tornare indietro per raccogliere le pietre preziose, i diorama sono un po' disordinati ma efficienti...]

Per tutti gli altri: roba seria, analisi dei contenuti, interpretazione marxista... è un duro lavoro, ma qualcuno deve pur farlo.

lunedì, dicembre 08, 2003

Due di picche

Considerazione né intelligente, né originale, ma è arrivato il mio momento di chiedermi ad alta voce, nel presente inutile blog: quanti sono i vice di Saddam? Non servirà un altro mazzo di carte? (Sono andata a vedere a che punto siamo con il due di picche - è ancora a piede libero. anche perché. con quei connotati.)
E sono sicura di aver contato più di un braccio destro di Osama. I demand a recount.

giovedì, dicembre 04, 2003

Missing in Croatia

Succede, con i turisti cinesi. Un momento sono lì tutti e 34 e un minuto dopo non ci sono più. Insomma, ve li siete persi.

Andiamo con ordine. 34 turisti cinesi arrivano a Zagabria il 24 novembre e prendono alloggio al Golden Tulip Holiday hotel della città. Visitano Dubrovnik, Spalato e i laghi di Plitvice. Dovrebbero ripartire martedì 2 dicembre, al Tulipano d'Oro hanno pagato il conto regolarmente, ma nessuno di loro si presenta sul bus per l'aeroporto. "Li stiamo cercando" ha annunciato la portavoce della polizia, che non commenta le ipotesi di fuga.
Il China Daily scrive che si trattava del primo gruppo di turisti cinesi in Croazia, che in Cina è diventata ufficialmente una destinazione turistica solo il 1° novembre scorso.
I primi 34. Non facile, perché dopo tutto Zagabria (con tutto il rispetto per Zagabria) non è Città del Messico (con tutto il rispetto per Città del Messico).

Fonte AFP, che si rifà a sua volta al quotidiano croato Jutarnji List. Ansa conferma.

Campi di tiro

I soldati israeliani uccidono incessantemente civili palestinesi. Non passa quasi giorno senza che vi siano vittime palestinesi innocenti - 30 in novembre, 57 in ottobre, 33 in settembre.
Tra queste vittime: un uomo di 32 anni (in motocicletta, sospettato di voler fuggire a un posto di blocco); un bambino di 10 anni (andava a caccia di uccelli con la fionda); un ragazzino (tirava pietre ai soldati); un giovane (al funerale di un amico a Jenin); un tassista, padre di un bambino di sei anni (sospettato di voler fuggire a un posto di blocco); un quindicenne (durante degli arresti); un bambino di nove anni (giocava davanti a casa); tre uomini (stavano andando a cena in una sera di festa).
La storia delle loro morti violente - e delle loro vite così a buon mercato - non raggiunge mai la coscienza e la consapevolezza degli israeliani. Sto lavorando di retorica e di indignazione, riassumendo dati palestinesi? No, di tutto questo ha scritto Gideon Levy su Ha'arez, quotidiano israeliano, il 30 novembre. The killing fields of Rafah, qui.

Intanto (c'è sempre un intanto). La versione israeliana del reality show "American Idol" è stata vinta da un arabo. Sorridete.