sabato, dicembre 27, 2003

Serenità e pienezza

"Avere riguardi per tutte le creature non
è soltanto un modo di dire,
ma significa molto più
di quanto si potrebbe supporre.

Per esempio, all'epoca della festa
dei ciliegi in fiore, così popolare,
nessuno stacca fiori dagli alberi,
anche se i rami bassi sembrano invitare
i passanti proprio a questo.
Anche nelle persone comuni si può osservare un
sentimento molto delicato nei confronti dei fiori,
e l'amore per la natura si esprime
in loro sinceramente e senza artificio.
E' raro che un passante colga
un fiore sul proprio cammino, egli preferisce
lasciarlo vivere dove è spuntato;
neppure i bambini strappano le piante
nei boschi; in tal modo si vuole
essere vicini all'essenza del Tutto".

Gusty Herrigel, Lo Zen e l'arte di disporre i fiori

martedì, dicembre 23, 2003

Se questo è un gioco




Non vedo l'ora di iniziare nipotine alle gioie e ai dolori del mocio vileda.

Enough is enough

Anche quest'anno le intenzioni erano buone. Ho perfino comprato e addobbato un albero ecologico alto 180cm modello "zar della steppa" (mettendo da parte per una volta le simpatie bolsceviche). Ho dedicato due giornate alla scelta di regali sensati se non fantasiosi.
Ma oggi ne manca uno alla vigilia, e non sopporto:
– le mail di lavoro con gli auguri di buon Natale;
– in particolare, quello che per fare l'originale mi ha mandato la ricetta del panettone (perché non poteva allegarlo);
– e quelli che sentono la necessità di scrivere BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO tutto maiuscolo;
– i pixel e pixel di babbi natale, renne, slitte, pupazzi di neve e abeti variamente addobbati, ovunque;
– gli uomini che anche quest'anno in ufficio o in redazione si sono fatti fotografare nudi dalla cintola in su, con il berretto di Babbo Natale e le pance pallide esibite sotto una luce al neon effetto-morgue;
– le donne che si fanno fare il calendario "per regalarlo al fidanzato";
– le donne che l'altr'anno si sono fatte fare il calendario, e quest'anno il puzzle. "Per regalarlo al fidanzato";
– il traffico di sms la sera della vigilia;
– le cene che cominciano con i gamberetti, continuano con il salmone, e da un momento all'altro ti aspetti che salti fuori il coniglio con le cozze;
– il concerto di Natale in Vaticano alla tv come tragico sottofondo.
Ne manca uno alla vigilia e darei volentieri fuoco allo zar della steppa. A giudicare dal raschiare asmatico delle luci intermittenti, credo che ci penserà da solo.

lunedì, dicembre 15, 2003

- 9 alla Vigilia

Nota bene
Oggi non parlerò del Bafometto estratto dalla cantina di Tikrit questo weekend. Ma, ma... sento sospiri di sollievo?

Das Unheimliche
Il ritorno del rimosso, la coazione a ripetere, il familiare che improvvisamente cambia senso e diviene spaventoso e angosciante. È il perturbante secondo Freud.
Ma metteteci un alberello a fibre ottiche e un eccesso di decorazioni ed è il Natale a casa di mia suocera.

La mia impassibile metà anche quest'anno per il suo compleanno ha ricevuto un maglione da perfetto catechista (girocollo, color cincillà suicida, più grande di due misure) con la solita compostezza tibetana.
Intanto per Natale ci è stato prospettato con una certa insistenza un regalo inquietante: una pentola a pressione per due persone ("è una di quelle cose che se non te le regalano non te le compri": chiediti se c'è un motivo valido). L'oggetto domestico ha cominciato a visitare la mia coscienza, portando con sé due rivelazioni di un certo impatto:
1. il concetto di sorpresa: forget about it.
2. Babbo Natale: è mia suocera.
- 9 alla Vigilia. Il gioco si fa duro.

giovedì, dicembre 11, 2003

La stoffa dei palestinesi

Pensandoci bene, perdere di vista tren-ta-quat-tro cinesi non è poi così grave.
Il 1° novembre scorso l'Aeroporto di Los Angeles ha preso in consegna un'intera mostra itinerante del Palestine Costume Archive per effettuare i controlli di sicurezza ai raggi x. Ecco come ti perdo mezzo secolo di storia palestinese al Terminal 4. La notizia è riportata da Electronic Intifada, la fonte è un comunicato stampa dello stesso Archivio. Si trattava di Symbolic defiance: Palestinian costume and embroidery since 1948: materiale mai esposto in precedenza, tra cui abiti tradizionali degli anni '50, '60, '70 e '80, rari vestiti dell'Intifada e ricami politici.
Dell'esposizione si sono definitivamente perse le tracce; dopo tre settimane sono state sospese le ricerche.

Ma l'Archivio ha deciso di curare nuovamente la mostra, questa volta dividendola in due parti: una con il materiale tessile (che sarà esposta in tutti i paesi, tranne gli Stati Uniti), l'altra con materiale esclusivamente grafico (che circolerà negli Stati Uniti), più facilmente rimpiazzabile se sarà nuovamente smarrita.

mercoledì, dicembre 10, 2003

For gamers only



[Vedo dagli accessi che c'è una certa domanda di soluzioni di Dark Chronicle, noto anche come Dark Cloud 2... chiedete e vi sarà detto. Sono a 70 ore di gioco, ho cominciato a tornare indietro per raccogliere le pietre preziose, i diorama sono un po' disordinati ma efficienti...]

Per tutti gli altri: roba seria, analisi dei contenuti, interpretazione marxista... è un duro lavoro, ma qualcuno deve pur farlo.

lunedì, dicembre 08, 2003

Due di picche

Considerazione né intelligente, né originale, ma è arrivato il mio momento di chiedermi ad alta voce, nel presente inutile blog: quanti sono i vice di Saddam? Non servirà un altro mazzo di carte? (Sono andata a vedere a che punto siamo con il due di picche - è ancora a piede libero. anche perché. con quei connotati.)
E sono sicura di aver contato più di un braccio destro di Osama. I demand a recount.

giovedì, dicembre 04, 2003

Missing in Croatia

Succede, con i turisti cinesi. Un momento sono lì tutti e 34 e un minuto dopo non ci sono più. Insomma, ve li siete persi.

Andiamo con ordine. 34 turisti cinesi arrivano a Zagabria il 24 novembre e prendono alloggio al Golden Tulip Holiday hotel della città. Visitano Dubrovnik, Spalato e i laghi di Plitvice. Dovrebbero ripartire martedì 2 dicembre, al Tulipano d'Oro hanno pagato il conto regolarmente, ma nessuno di loro si presenta sul bus per l'aeroporto. "Li stiamo cercando" ha annunciato la portavoce della polizia, che non commenta le ipotesi di fuga.
Il China Daily scrive che si trattava del primo gruppo di turisti cinesi in Croazia, che in Cina è diventata ufficialmente una destinazione turistica solo il 1° novembre scorso.
I primi 34. Non facile, perché dopo tutto Zagabria (con tutto il rispetto per Zagabria) non è Città del Messico (con tutto il rispetto per Città del Messico).

Fonte AFP, che si rifà a sua volta al quotidiano croato Jutarnji List. Ansa conferma.

Campi di tiro

I soldati israeliani uccidono incessantemente civili palestinesi. Non passa quasi giorno senza che vi siano vittime palestinesi innocenti - 30 in novembre, 57 in ottobre, 33 in settembre.
Tra queste vittime: un uomo di 32 anni (in motocicletta, sospettato di voler fuggire a un posto di blocco); un bambino di 10 anni (andava a caccia di uccelli con la fionda); un ragazzino (tirava pietre ai soldati); un giovane (al funerale di un amico a Jenin); un tassista, padre di un bambino di sei anni (sospettato di voler fuggire a un posto di blocco); un quindicenne (durante degli arresti); un bambino di nove anni (giocava davanti a casa); tre uomini (stavano andando a cena in una sera di festa).
La storia delle loro morti violente - e delle loro vite così a buon mercato - non raggiunge mai la coscienza e la consapevolezza degli israeliani. Sto lavorando di retorica e di indignazione, riassumendo dati palestinesi? No, di tutto questo ha scritto Gideon Levy su Ha'arez, quotidiano israeliano, il 30 novembre. The killing fields of Rafah, qui.

Intanto (c'è sempre un intanto). La versione israeliana del reality show "American Idol" è stata vinta da un arabo. Sorridete.

venerdì, novembre 28, 2003

Miscommunicator

Eccolo qua
Silvio Berlusconi è il peggior comunicatore del 2003, secondo la Foreign Press Association (non era facile battere Geoff Hoon dopo la catastrofe-Kelly).
Adesso dirà che è tutta pubblicità.

giovedì, novembre 27, 2003

Una persona che

"Direttive del Governo militare israeliano ai soldati dei Territori occupati:
Una persona che cammina con fare nervoso è un sospetto terrorista arabo.
Una persona che cammina tranquilla è un sospetto terrorista arabo dal sangue freddo.
Una persona che cammina con lo sguardo in alto è un sospetto terrorista arabo religioso.
Una persona che cammina con lo sguardo in basso è un sospetto terrorista arabo timido.
Una persona che cammina con gli occhi chiusi è un sospetto terrorista arabo che dorme.
Una persona che se ne sta a casa è un sospetto terrorista arabo malato.
I suddetti sospetti vanno arrestati e, dopo uno sparo di avvertimento, portati all'obitorio".

Hanoch Levine, drammaturgo israeliano.

mercoledì, novembre 26, 2003

Have Yourself a Merry Little Christmas

La polizia doganale israeliana ha sequestrato al porto di Haifa 450 bambole danzerine con le fattezze di Bin Laden e Saddam Hussein. L'idea del proprietario era di venderle ad arabi ed ebrei israeliani.
Sullo stesso cargo hanno trovato anche 450 pupazzi-Teletubby.

domenica, novembre 23, 2003

Cro Cop stendili

Si vota in Croazia. Il sito della BBC riferisce di un massiccio aumento nel consumo di DVD: e insinua che i croati cerchino rifugio alla disperata nel mondo parallelo di Matrix 1 e 2 per sfuggire ai confusi messaggi elettorali dei partiti politici.

C'è da dire che i destroidi dell'HDZ hanno dalla loro:
– Berlusconi, che sembra abbia detto al leader Sanader: "Voi siete il futuro dell'Europa. L'Europa ha bisogno di persone giovani, capaci e sicure di sé come lo siete voi". (yup.)
– i cattivissimi vescovi croati, dichiaratamente contrari ai "partiti e singoli che sono a favore della legalizzazione dell'aborto, dell'eutanasia e delle unioni coniugali innaturali tra persone dello stesso sesso" (e – noi lo sappiamo – anche alla pratica dello yoga, pericoloso induttore di induismo).

Sarà forse per questo che i socialdemocratici di Racan (SDP) hanno deciso di schierare tra i propri candidati Mirko "Cro Cop" Filipovic, campione di kickboxing, nella lotta contro il centro-destra del Tudjman-man Sanader?
Le arti marziali contro il "ritorno al potere dei briganti" di cui ha parlato la ministra Antunovic? Neo contro la Matrice?



Nella foto, impegnato in una convincente azione, il campione Filipovic (è quello con la bandiera croata stampata sulla mutandina, impossibile sbagliare).

Curiosità: il soprannome "Cro Cop" è un'abbreviazione di Croatian Cop, visto che si tratta di un ex agente di polizia.

Sono confusa. Mi è venuta voglia di noleggiarmi un DVD.

Domenica, mal che vada venerdì sera

Con un'amica, vestite a festa, aspettando il Che.

venerdì, novembre 21, 2003

Lavami

A grande richiesta, il sapone che lava i peccati:

Miro is back

Pensavi forse di stanarmi a colpi di Marx? Ci sei riuscito.

Liberazione

La “liberazione” è un atto storico,
non un atto ideale, ed è attuata
da condizioni storiche, dallo stato dell’industria,
del commercio, dell’agricoltura, delle relazioni. […].
[...] [Nella] fase superiore della società, quando
saranno scomparse la subordinazione servile
degli individui alla divisione del lavoro,
e quando il lavoro cesserà di essere
esclusivamente un mezzo per vivere
e si trasformerà nella prima necessità vitale;
quando tutte le forze produttive saranno
moltiplicate e tutte le fonti
di ricchezza produttive zampilleranno.

Allora, e soltanto allora, la società
potrà scrivere sulle proprie bandiere:
che ciascuno dia secondo le proprie capacità,
che a ciascuno sia dato secondo le sue necessità
.

Karl Marx, Opere scelte, 1969

mercoledì, novembre 19, 2003

L'ora di Mosca

"[Il momento propizio è quando] il sole
è già basso, al colmo della potenza.
Ma il momento di grazia non dura:
ancora qualche istante e la luce
diviene rossa.
Mosca diviene una macchia enorme che
fa vibrare tutto il vostro essere interiore [...].
Come il forte finale di un'immensa orchestra.
E soprattutto, scoppia la linea
bianca del campanile.
La testa d'oro della sua cupola
tende verso il cielo una nostalgia
acuta ed eterna [...].

Rendere quell'ora,
quell'impareggiabile punto
di partenza per nuove ispirazioni,
mi pareva la felicità più grande
che potesse toccare ad un artista.

Wassilj Kandinskij, Sguardi sul passato, 1913

sabato, novembre 15, 2003

Scambiato

Ungheria, il corpo di un impiccato scambiato per una scultura (Reuters)

Materia da sociologia dell'arte?

venerdì, novembre 14, 2003

La natura della missione

"Questa volta l'incendio rischia di bruciare l'incendiario, ma soprattutto noi che a quel Medio Oriente siamo più vicini, il Mediterraneo non è più Mare nostrum.

Di fronte a tutto questo che cosa accade nel nostro paese, che ieri esponeva le bandiere a mezza asta da palazzi fondamentalmente ipocriti e incapaci di emozioni? Sui media, e non solo, sembra prevalere un'ondata populistico-patriottica, che ripete ed enfatizza il vecchio motto mussoliniano: «noi tireremo diritto». Non solo non ci ritiriamo, ma manderemo altre truppe, per battere il mostro del terrorismo. E senza nemmeno chiedersi a quale esito può portare quell'intervento fatto solo per ingraziarsi l'amico Bush.

A sinistra sono in molti, partiti e movimenti e cittadini che rivendicano il ritiro delle truppe italiane e non per dire «scapuma» ma per rispetto della nostra ancora vigente Costituzione.

Un problema lo pongono i Ds, che pure sarebbero la maggiore forza della sinistra. Non se la sentono di dire restiamo a fianco di Bush, ma neppure di rivendicare il ritiro (sarebbe poco da partito di governo). E così, incerti tra l'una e l'altra scelta hanno deciso di chiedere, grosso modo, di «cambiare la natura della missione». Fanno pensare a quei vescovi che quando volevano mangiare carne di venerdì, la battezzavano pesce. E oggi siamo di venerdì".

Valentino Parlato, sul Manifesto di oggi

giovedì, novembre 13, 2003

Un cuore nuovo

Ho trovato alcune cose interessanti e non scontate sull'Iraq. Se le parole chiave e i bypass retorici di questi giorni - "lotta al terrorismo", "tributo di sangue", "come ground zero, uguale" - inspiegabilmente non vi fanno sentire meglio, se le meste fiction tappabuchi vi scompensano il senso civico, morale e storico in un colpo solo, se mai come ora vi siete sentiti "Cinquantunesimo Stato" senza possibilità di secessione, potete anche scegliere di fare un salto sul blog iracheno di Riverbend, o sui resoconti di electroniciraq (questo ha anche .pdf da stampare e diffondere, per i feticisti del genere come me).
Se non vi quadrano più alcune chiacchiere stile Porta a Porta sul "terrorismo" iracheno, infine, questa analisi di Milt Bearden potrebbe dimostrarsi non priva di interesse.

E poi.
Sempre dal diario di Riverbend, leggo una frase che sua madre dice in continuazione, un modo di dire con cui ci si prepara a sentire una storia triste - quel tipo di storie che cominciano con un sospiro e finiscono con "Allah kareem": "hai bisogno di un cuore nuovo per ogni persona che ascolti".

mercoledì, novembre 12, 2003

Pile non incluse

Ho un lontano e sempre più enigmatico ricordo del fascino ambiguo che esercitava su di me il Dolce Forno.
Ma perché una bambina dovrebbe volere questo, a Natale?

Come neve sulle spalle

"Così sopportiamo i secoli e così niente diminuisce né finisce mai, tutto si contagia, niente ci lascia andare. E questo tutto ci va scorrendo come neve sulle spalle, sdrucciolevole e placida, solo che è neve che viaggia nel tempo, e più in là di noi, e che forse mai si ferma".

Javier Marías, Il tuo volto domani

lunedì, novembre 10, 2003

Legatemi

Spero di non attirarmi le ire delle donne e degli uomini del Nord: ogni tanto, soprattutto il lunedì, mi concedo una gita-premio sulla Padania on-line.
Così oggi leggo che la Lega chiede all'Unesco di proclamare Bergamo Patrimonio dell'umanità. Titolo dichiarativo: "Bergamo Alta, la città del Colleoni, il condottiero delle tre palle". (Ma allora mi chiedo se non sarebbe meglio donarla alla scienza.)
Vengo a sapere che i Comuni del Nord sono i più virtuosi (per entrate fiscali), con Lombardia e Nord Est in testa. Sono rasserenata, è un bel lunedì.
Ma poi, il baratro. La moschea di Cremona è anche un centro militare, sapete. Meno male che la Lega ne chiederà la chiusura, sabato prossimo, con una fiaccolata. E che dire dei musulmani di Gallarate, che "sfidano la legge" continuando a frequentare il centro islamico (con un inarrestabile "via vai di extracomunitari fedeli ad Allah"), nonostante il sindaco abbia emesso un'ordinanza per farlo chiudere? Poco mi consola che sia scesa in campo anche un'onorevole leghista, qua ci vorrà di sicuro un'altra fiaccolata.
Ecco, lunedì rovinato.
Meno male che c'è la rubrica Nord Cultura.

domenica, novembre 09, 2003

Senza economia

"Ebbene, io credo che non saremmo granché come artisti (e, ovviamente, come uomini, come esseri umani, come individui) se, trovata per caso o a fatica la cosa tanto cercata, non continuassimo ad alzare il resto dei coperchi, a rimuovere le pietre, a fugare le nuvole, tutte, fino alla fine. Ricordiamoci che la prima cosa potrebbe essere stata messa lì per distrarci dalla seconda. Verificare, secondo me, è la vera regola d'oro.
Incomincio a preparare il primo colore sulla tavolozza. Non che abbia bisogno di un colore intermedio, da comporre e armonizzare, come le voci del Magnificat di Monteverdi che si diffondono nell'atelier. Mi limito a spremere il tubetto senza economia. Adesso per rivelare, non per nascondere. Lavorerò tutto il giorno."

José Saramago, Manuale di pittura e calligrafia

venerdì, novembre 07, 2003

Serp i molot

Mosca, 12.05 ora locale: Armen Veniaminov i drus'jà sul tetto della Duma. Poi: pioggia di bigliettini con la scritta "viva la grande rivoluzione socialista d'ottobre!". (Poi: intervento di soldati che rimettono al suo posto il tricolore russo).



A tutti i filosovietici, compresi quelli post litteram, con affetto.

martedì, novembre 04, 2003

Niente yoga, siamo (cattolici) croati

Lo yoga, dicono, rilassa. Aiuta a ricaricarsi, allevia il mal di schiena. Fa fitness, fa paese benestante. Questo deve aver pensato il ministro dell’istruzione croato quando ha deciso di assegnare un contributo annuo a un programma di corsi di yoga per insegnanti. I corsi sono cominciati a ottobre nelle principali città croate (Zagabria, Spalato, Fiume e Pola), ma sono al centro di una polemica infuocata. Sentitevi male: mentre noi assistevamo alle tragiche peripezie del crocifisso sui muri scolastici e del Signor Smith nel videowall di Porta a Porta, la Chiesa Cattolica Croata viveva ormai da mesi il suo dramma.
Già a luglio i vescovi avevano protestato contro l’introduzione dello yoga per insegnanti (non ci credete? La notizia era rimbalzata anche sull’Hindustan Times). “È evidente che gli insegnanti applicheranno la pratica dello yoga mentre lavorano con i bambini”, aveva concluso la Conferenza dei vescovi croati. Affermando che il programma avrebbe favorito “l’introduzione della pratica religiosa induista nelle scuole del paese”.
Ma anche se il ministro è stato costretto a fare marcia indietro, a quanto pare i corsi sono cominciati ugualmente. Centinaia di maestre elementari croate si concedono la posizione del loto, mentre le più smaliziate e flessibili tentano già la locusta. Di certo non vedono l’ora di raccontarlo ai loro pupilli nell’ora di dettato. Di qui a predicare aggressivamente i precetti induisti e a far proselitismo con metodi manciuriani il passo è breve.
Sono tempi duri per i vescovi, bisogna capirli. E se il prossimo anno si passa al più laico pilates? Conosco personalmente un paio di maestre senza scrupoli che venderebbero il crocifisso per un gluteo più sodo.

domenica, novembre 02, 2003

Le news definitive

Se avessi saputo che c'era già tutto lì non mi sarei iscritta a Newsinsider. Il codice biblico ha in serbo alcune fosche previsioni per noi, basta saperlo leggere (come il signor Joseph Noah, e nessuno meglio di lui).

Vi dico subito che il periodo della tribolazione avrà luogo tra il 2005 e il 2012, per cui vedete voi se vi conviene passare all'ADSL e buttar via quell'anno scarso di tranquillità a litigare con un call center.

Nel 2005 sarà firmato un falso trattato di pace tra Arabi e Israeliani (novità).

Nel 2006, Nuovo Tempio in Israele e alleanza Arabo-asiatica.

Nel 2008 Tempio sconsacrato e due profeti uccisi a Gerusalemme (ne deduco che a Gerusalemme stanno già circolando liberamente ben due profeti).

Gli appuntamenti del 2010: Terza guerra mondiale, bomba H, guerra biologica e conseguente pestilenza, asteroide che si spezza in tre e va a colpire con spietata giustizia balistica California, Utah e Nevada occidentale. Per la California non c'è storia: inondazione e sprofondamento. L'asse di rotazione terrestre si inclina di cinque gradi.

2011
: tre asteroidi sulla Russia (sfiga) e altri dieci gradi di inclinazione (la Terra ormai va per i cazzi suoi). E per quest'anno può bastare.

2012
: altri tre asteroidi sulla Cina (puttanaeva), e vai con altri dieci gradi (in tutto fanno 25, e addio mezze stagioni). Persi sott'acqua Giappone e Filippine. Ormai, quel vecchio Risiko! che tirate fuori ogni anno a Natale non vi serve più.

E non sto a dirvi come va a finire.

Però:
1. a quel punto dovremmo esserci già liberati di Berlusconi, Bossifini e con un po' di fortuna anche del centrosinistra;
2. abbiamo risolto il problema delle pensioni;
2. i Balcani tutto sommato dovrebbero farcela;
3. ci toccherà perfino rivalutare gli anni Ottanta.

Ma, a parte tutto, ci si può fidare di uno che fa Noè di cognome?

venerdì, ottobre 31, 2003

1972

Spassky-Fischer, Reykjavik 1972



"Il destino ha giocato con l’uomo,
e l’uomo gioca a scacchi".

Leonid Stein, Raccolte

giovedì, ottobre 30, 2003

Quel certo non so Che

"Voglio vestirmi come un comunista nel giorno di festa! E aspettare il Che. Se il Che ritorna, ritornerà di domenica, male che vada venerdì sera. Il Che non aveva una 24 ore! Però disse che 'il luogo di riposo del rivoluzionario è la tomba'. Ok, ok, ha riposato abbastanza, anche per lui".
Riflessioni di Sir Hugh in un piovoso giovedì pomeriggio.

Falce e pennarello

"Sono triste, ma non preoccupatevi: il Che ritornerà".
(pennarello nero su pietra, molo Audace, Trieste).

Ping-Pong sudcoreano

Sir Hugh: "Scusa se esagero, ma dico così per tirarmi un poco su!".
M.me Loewe: "Eh [but, sure], lo so!".

Simpaticamente buffo. Questo è il vero feed-back simultaneo.
Vito Acconci, non sei nessuno.

È già parole-art.

mercoledì, ottobre 29, 2003

Pitbull babies

A Lovran, cittadina del litorale croato, un bambino di tredici mesi è stato ferito a morsi dai suoi coetanei compagni di asilo. Trenta morsi, e "non si sa che cosa abbia scatenato l'attacco".
La donna che doveva sorvegliare i 14 bambini li aveva lasciati soli per qualche momento, e ora è accusata di negligenza. Perché si sa come vanno queste cose: ti assenti per cambiare un pannolino e al ritorno ti ritrovi ammutolita spettatrice di un film di Greenaway.
I tempi cambiano, e nel profondo del mio cuore fremente lo so: questi bambini non avrebbero difficoltà a mangiarsi un comunista di medie dimensioni.

martedì, ottobre 28, 2003

La Battaglia del Crocifisso

Devo smettere di fare queste cose: ieri sera ho guardato per pura e sciatta pigrizia la puntata di Porta a Porta intitolata La Battaglia del Crocifisso. Adesso, se sento citare ancora una volta l'Arabia Saudita come termine di paragone per giustificare la nostra intolleranza, mi dispongo ad applicare una mia variante crudele e fantasiosa della Legge Coranica.
Mi chiedo inoltre se Magdi Allam abbia dormito a RaiUno, stanotte, perché questa mattina era ancora lì, ospite di un altro programma della stessa rete.
I sogni muoiono all'alba, ma perché gli incubi sono ancora lì ad aspettarti mentre scorri il televideo?

domenica, ottobre 26, 2003

Yawn

Parafrasando Homer Simpson, se l'Ente Supremo avesse davvero voluto che passassi un'ora alla settimana con mia suocera avrebbe fatto la settimana più lunga di un'ora.

Gelo e sole

Problema pitbull: risolto (ma)
Ora solare: ok (con tutti i se)
Centrali elettriche: funzionanti su tutto il territorio
Wolfowitz: mancato
Prigionieri politici: uno
Il Papa è attualmente a: Roma
La crescita dell'economia italiana è: zero
Macellerie balcaniche: riaperte
I quattro palestinesi uccisi erano: armati
Condomini rasi al suolo a Gaza: tre
È stato finalmente inventato: il profumo di Cadillac

Per il resto, come scrisse il poeta: moroz i solnce, den' chudesnyi!

mercoledì, ottobre 22, 2003

Il più vivo

La presidenza italiana dell'Unione Europea ha espresso "il più vivo rammarico" per le vittime dei raid israeliani. Chiedo scusa per il termine "presidenza italiana".

Chiedo scusa

"Che questi [gli immigrati cinesi] non si troveranno nemmanco con mille lire in tasca. E chiedo scusa per le mille lire".
(in un programma mattutino alla radio)

martedì, ottobre 21, 2003

D.

Ci siamo: c'è già un amico che trova il mio blog più intelligente di me ("sembra brutto dirlo...").
Non posso neanche sfidarti a duello, D.

giovedì, ottobre 16, 2003

Croati semiautomatici

Dal Piccolo di ieri: Umago, litiga con l'ex fidanzata e spara per la strada.
"Durante una festa in un appartamento di via Giuseppina Martinuzzi a Umago, il ragazzo si è scagliato contro la sua ex fidanzata. I due hanno avuto una discussione particolarmente accesa e ad un certo punto il ragazzo ha lasciato l'appartamento e si è recato alla propria automobile da dove ha estratto un fucile semiautomatico. Poi ha fatto alcuni passi e ha lasciato partire un colpo contro la porta d'ingresso dell'edificio [...]. Il secondo colpo, invece, ha mandato in frantumi la finestra della cucina di un appartamento vicino. Fortunatamente la famiglia stava seguendo la partita alla televisione.
- Siccome era in corso la gara tra Croazia e Bulgaria - racconta la donna dell'appartamento in cui è finita la pallottola -, pensavamo che qualcuno stesse festeggiando la vittoria della nazionale croata. Perciò non ci siamo allarmati più di tanto".

mercoledì, ottobre 15, 2003

Nave divina

Non mi dispiace che la navicella cinese "Nave divina" con a bordo il primo taikonauta sia stata portata nello spazio dal missile "Lunga marcia": sono cose che lassù fanno la loro bella figura.

martedì, ottobre 14, 2003

Giorni

Cdl e diessini si insultano a vicenda, la prossima influenza sarà tremenda, Vissani non è il miglior cuoco d'Italia, è scomparsa una prova del delitto di Cogne.
Sono giorni che i pitbull non sbranano nessuno.

lunedì, ottobre 13, 2003

Rudimenti

Ho ricevuto il c.v. di una signorina che allega una "breve antologia generica" dei suoi scritti, convinta che la sua versatilità sarà la mia carta vincente, e di una studentessa che subito dopo la conoscenza di inglese e francese esibisce "rudimenti di finlandese".
Mai nessuno che sappia manovrare un carrello elevatore ipotetico, dico io.
È lunedì.

Funerali con ritmo

E questa settimana si apre così: con la rivelazione dell'Observer che Stati Uniti e Israele collaborano nell'eqipaggiamento di missili Harpoon (forniti dagli americani) armati di testate nucleari sui sottomarini israeliani classe Dolphin. Uniamo questo alle intenzioni dell'Unica Democrazia del Medio Oriente (colpire chiunque dia asilo a terroristi) e possiamo stare tranquilli.
Intanto 2000 palestinesi sono rimasti senza casa a Rafah. Ci aggiungiamo i funerali del weekend:
Ibrahim Krinawi, 8 anni
Sami Salah, 12 anni
Mabruk Juda, 18 anni
Yihyeh Sharif, 19 anni
Nader Abu Taha, 22 anni
Mohammed Abd al Waheb, 23 anni
Mohammed Yunis, 28 anni
Ala Mansour, 23 anni.

Un portavoce dell'esercito israeliano ha dichiarato che uno di questi era armato.

Intanto l'agile diplomazia del bulldozer fa scuola tra gli americani in Iraq.

In Italia abbiamo appreso dal ministro Castelli che Fini sta a sinistra, con i comunisti insomma. Mi chiedo se non sia il caso di spostarsi un po' più in là, allora (e adesso sto proprio sul bordo). Da parte sua, La Russa precisa che "già Faccetta nera dimostra l'attenzione della destra italiana per l'integrazione".

mercoledì, ottobre 08, 2003

Govenator ah-ah

Ma mister California non è meno di mister Universo?

"It must end here... or I am the future".
Terminator 2: Judgement Day

martedì, ottobre 07, 2003

Tirature limitate

E all'ultimo post aggiungo questo: la fresca proposta di "rinnovo delle pavimentazioni industriali particolarmente sollecitate da traffico intenso di carrelli elevatori o veicoli in genere", e l'irresistibile offerta di indumenti in cashmere a prezzi imbattibili (un esempio? "Maglia stampata con telaio a mano in quadricromia. Titolo dell'opera Campo di grano con volo di corvi dell'Artista: VAN GOGH. Tiratura limitata, garanzia numerata, capo da collezionismo, seguono altri artisti").

E adesso un piccolo sforzo di fantasia: io manovro il mio carrello elevatore con antifurto a localizzazione satellitare, pavoneggiandomi nel mio sofficissimo twin set di cashmere a tiratura limitata dell'Artista: VAN GOGH.

Razza padrona

Da giorni stanno cercando di vendermi un nuovo modello di timbracartellini economico "autoinstallante" (già immagino la gatta che timbra in entrata e in uscita, e poi mi fa causa per i contributi), e un antifurto a localizzazione satellitare per tenere sempre sotto controllo i miei "automezzi" e la mia "merce".
Come riuscirò a resistere alle tentazioni del consumismo?

venerdì, ottobre 03, 2003

Intanto doppietta di Nedved

Ho scoperto che per scoprire anni di doping bisogna guardare gli zigomi - ma stiamo parlando di mutazioni klingoniane o cosa? Per questo motivo, cerco album Panini dal 1994 in poi.
Intanto, ripenso volentieri alla stagione 76/77 (Zoff, Cuccureddu, Gentile, Furino, Morini, Scirea, Causio, Tardelli, Boninsegna, Benetti, Bettega) - quella dei miei 12 anni e dei 51 punti in campionato. Non bisogna mica stare simpatici a tutti i costi.

lunedì, settembre 29, 2003

IDLM

(tell me why)
i don't like mondays
(tell me why)
i don't like mondays
(tell me why)
i don't like mondays
i want to shoot
the whole day down
I don't like mondays, Boomtown Rats

Insight

L'essenza del mio lavoro è un circolo virtuoso:
trasformare il pessimo in quasi dignitoso.

domenica, settembre 28, 2003

Brave Net World

O avventuroso utente, che hai cercato su Google "blix+detergenti+casa" e hai trovato solo me! Ti meriti il post della domenica.

sabato, settembre 27, 2003

Cronache della città di G.

Apprendo che agli inizi di ottobre a Gorizia si terrà la prima edizione del "Premio Internazionale della Palacinca".

venerdì, settembre 26, 2003

Ieri

"I tremendi conflitti che sospingono le persone entro categorie falsamente unificanti come 'America', 'Occidente' o 'islam' e che inventano identità collettive a uso e consumo di vaste masse di individui in realtà molto diversi vanno contrastati. Per farlo disponiamo ancora delle capacità interpretative razionali che formano il retaggio dell’educazione umanistica, intese non come un pietismo sentimentale che c’imponga di tornare ai valori tradizionali o ai classici, bensì come pratica attiva di un discorso razionale, mondano e secolare.
Il mondo secolare è il mondo della storia così come la fanno gli esseri umani. Il pensiero critico non si assoggetta agli ordini di unirsi ai ranghi di chi marcia contro questo o quel nemico riconosciuto. Anziché a un artificioso scontro di civiltà, dobbiamo dedicare la nostra attenzione al lento e paziente lavoro comune delle culture che di volta in volta si sovrappongono, prendono in prestito le une dalle altre e coesistono."

Ieri è morto Edward W. Said.

giovedì, settembre 25, 2003

Timide astenersi

Questo mi ha provocato il fumettone di Sputnik Besson: ogni tanto mi appare Giovanna d'Arco, urlando "Chi mi ama mi seguaaaaa!" e ammiccando poi in un battito di ciglia: "Perché io valgo". La mia malferma educazione cattolica scricchiola e crolla sotto il duplice impulso. Salvare la Francia, ma in nome di Dio o dell'Oreal?

A dire il vero

Non mi sento americana neanche un po’
ma ho un amico che amerebbe
risieder in autunno nel Vermont.

Venite a morire in Italia

New York, 24 settembre – Tra le riforme fatte dal governo ''abbiamo cancellato l'imposta sulle donazioni e sulle successioni e quindi credo che l'invito sia: venite a morire in Italia''. Questa la battuta del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che oggi a Wall Street ha illustrato agli investitori americani il panorama politico ed economico italiano, invitandoli ad investire di più nel nostro Paese. ''Non mi sembra però l'invito giusto -ha chiosato il premier- facciamo pure gli scongiuri''. (Adnkronos)

lunedì, settembre 22, 2003

Terminatrix

Il trailer metteva insieme qualche immagine apocalittica e un paio di scene d'azione, con il claim per me irresistibile: "Tutto quello che lui sa fare, lei lo sa fare meglio". Poi ho scoperto che "lei" è l'indistruttibile e un po' odiosa nemica Terminatrix.

Intanto, su simplyvintage.com, ho trovato questa t-shirt:

mercoledì, settembre 17, 2003

Dietro il fronte interno

Le restrizioni alla libertà di informazione negli Stati Uniti - con i livelli di rischio, e un'interessante cronologia - dall'11/9 a oggi, nel rapporto di settembre del Reporters' Committee, Homefront Confidential "White Paper".
Per aggiornamenti quotidiani, il blog.

domenica, settembre 14, 2003

Oggi peggio

"Ormai il conflitto ha raggiunto l'anima e non consente più scorciatoie: i palestinesi sentono che Israele punta alla loro fine e non intendono morire in silenzio. Vivono una disperata solitudine in un mondo guidato da mediocri e complici e stanno tirando fuori tutto quello che hanno accumulato lungo un secolo, nel bene e nel male. Il presidente Arafat sta in mezzo a tutto questo, simboleggia una storia difficile, carica di dolori e di passioni, protagonista a effetto di sconfitte brucianti e pagine gloriose, testimone ed autore delle vicissitudini del suo popolo. Oggetto e obbligatoriamente fautore del degrado che lo circondano, non ha mai abbandonato l'idea di traghettare il suo popolo verso una soluzione politica anche a prezzo di rinunce dolorose e di più che legittimi sogni di riscatto. [...]
Arafat oggi rappresenta l'ultimo baluardo della politica come strumento di mediazione e di soluzione dei conflitti. Espellerlo significa gettare la spugna per tutti coloro che credono ancora in una società laica invitandoli ad affidare il loro destino a chi proclama ed attua la guerra di religione, rassegnandosi all'inevitabilità dello scontro tra civiltà sul quale Israele, ancor prima dell'America, sta soffiando".
Ali Rashid dal Manifesto di ieri.

giovedì, settembre 11, 2003

La mistica della femminilità

All'Ipercoop, scaffale "Detergenti per la casa", di fronte a un dispiegamento di almeno dieci tipi di Pronto ad altezza sguardo casalinga:
"Voi che siete donne, quale di questi è il Pronto?"

martedì, settembre 09, 2003

Scettro

"Se credete che l'Islam sia la ragione del terrorismo musulmano, probabilmente il Giudaismo è la ragione per il terrorismo ebraico. Fino ad ora, i musulmani sono riusciti ad assassinare un solo ministro israeliano. Quando gli ebrei si sono impegnati nel terrorismo privato (opposto a quello dello stato), i miei antenati sono riusciti ad assassinare due zar russi ed una sfilza di governatori, ministri, ufficiali, ambasciatori e statisti di Gran Bretagna, Germania, Svezia, Russia e Paesi arabi. Fino ad oggi, il record di terrorismo stabilito dagli ebrei non è stato ancora battuto, e, come fiero ebreo, respingo i futili tentativi di passare lo scettro in questo campo ai musulmani o a qualsiasi altro".
Israel Shamir (dal sito arabcomint)

martedì, settembre 02, 2003

Adesso mi sembra ovvio

"Ciò che crea problemi è la classica logica bivalente, poiché la descrizione di un’autodescrizione proietta realtà che differiscono da quelle che descrive".
N. Luhmann, ovvero "cosa vuole quest'uomo da me?".

domenica, agosto 31, 2003

Proud to be Bush

Generosi
"Il nostro paese contribuisce ogni anno con un miliardo di dollari a risolvere il problema della fame. E siamo di gran lunga la nazione più generosa del mondo in questo, e io sono fiero di affermarlo. Non è una gara di generosità. Ve lo sto dicendo in confidenza. Siamo generosi. Non dovremmo vantarcene. Ma lo siamo. Siamo molto generosi."
George W. Bush, Washington, D.C., 16 luglio 2003

Neologismi
"Ebbene, ci sono alcuni che vorrebbero riscrivere la storia. A me piace chiamarli revisionisti storici"
George W. Bush, Elizabeth, N.J., 16 giugno 2003

venerdì, agosto 29, 2003

Miro unplugged

Mi piacciono gli aeroporti, le stazioni, le soste in autostrada, tutti i luoghi in cui posso osservare da lontano e da diverse prospettive il non ancora, il non subito, masticando gomme e sfogliando giornali. Amo l’ozio indifferente delle attese, il sostare dello spazio nel tempo, elencare in silenzio le cose dimenticate a casa e le cose da dimenticare.
Di un arrivo mi piace il lento, deviato avvicinarsi al centro delle città.
Poi la stanza nuova, lo spazio nell’armadio, la finestra sulla strada (su un cortile, sul mare), indovinare dove sorge e tramonta il sole (quel sole che il primo mattino ci sorprenderà con un taglio di luce inaspettato, a un’ora imprevista).
Camminare, misurare i luoghi con il ritmo del proprio respiro, lasciarsi attraversare dalle cose, con la riposante certezza di essere non visti, l’euforia della trasparenza. Poi sedersi in un bar, decifrare gesti e parole, far prove di vita in un’altra città. Finire di leggere un libro portato da casa, come un viaggio segreto nel viaggio.
Il ritorno è solo una sosta prima di un’altra partenza – si va di nuovo, per pochi giorni o per settimane, in una città amata o in un posto immaginato – e ha la leggerezza del provvisorio.

Poi arrivano le giornate di fine agosto.
Si esce in barca un pomeriggio, al largo di Duino. La luce del giorno si è fatta in nostra assenza più dolce (l’estate non è ancora finita ma c’è una nuova crudeltà nei tramonti, una specie di cupo improvviso sprofondare).
Come Leopold Bloom provoco la mia eclissi di sole sollevando il mignolo.
Un aereo curva all’orizzonte verso Grado. Lo vedo farsi più piccolo e sparire.

venerdì, agosto 22, 2003

J.W.!

"Se continua così,
io dico al paese
quello che penso di lui,
sia come
essere umano che
come persona".

J.W.
Today Show, 1 agosto 2000

Pace

"Controluce a un tramonto,
di pesca e zucchero.
Il sole all'interno del vespro,
come il nocciolo in un frutto.
La pannocchia serba intatto
il suo riso giallo e duro.

Agosto.
I bambini mangiano
pane scuro e saporita luna."

Federico Garcia Lorca, Agosto

giovedì, agosto 21, 2003

Azione di rilievo

"L'Autorità Nazionale Palestinese
toglie la voce ai gruppi radicali.
La polizia palestinese ha vietato
interviste sui mezzi di informazione
a tutti i rappresentanti
di Hamas e Jihad Islamica, [...].
Ne ha dato notizia
una fonte della polizia.

'Si vieta a chiunque appartenga
ad Hamas o Jihad Islamica di
rilasciare interviste a qualsiasi
mezzo di informazione,
di persona o al telefono',
ha spiegato la fonte.
L'interdizione riguarda
carta stampata,
radio e televisione".

Da Liberazione, 21 agosto 2003.

martedì, agosto 19, 2003

Stars and bones

"E quanto alla bandiera della nostra
provincia filippina, è presto fatto [...]:
prendiamo la nostra, la solita,
dipingiamo le strisce bianche di
nero e sostituiamo le stelle
con teschi e ossa incrociate".

Mark Twain, To the Person Sitting in Darkness,
"North American Review", febbraio 1901.

mercoledì, agosto 13, 2003

Il Bush che non ci basta mai

"Posso solo dirvi che, in tutti i casi che
ho sottoposto a riesame, alla fine sono
giunto a una decisione serena in merito
all'innocenza o alla colpevolezza della
persona in questione.
Non credo che nel Texas si sia mai
giustiziata una persona
colpevole... cioè, innocente".

"NPR All Things Considered",
16 giugno 2000.

Il Bush saggio

"Tutti quanti converrete con me
che oramai il passato è finito".

"The Dallas Morning News",
10 Maggio 2000

martedì, agosto 05, 2003

38° C

Qualcuno vorrebbe tanto essere in Alto Adige; qualcun altro sta somministrando questionari alla Biennale di Venezia; un bel pezzo di Carso è bruciato; ho scoperto che esiste anche la bora calda; c'è chi mi chiede di tradurgli una cosa "prima di partire per le vacanze"; c'è chi mi dice "di questo ne riparliamo quando torni dalle vacanze"; mi indigno quattro-cinque volte al giorno, per ragionevoli motivi.

Ieri sera ho visto una luce bianca attraversare veloce il cielo, direzione nord-ovest, tipo stella cadente, meteorite, o problemi di pressione.
Questa estate già mi manca.

giovedì, luglio 31, 2003

L'ultimo

"Mi resta un certo sapore di nostalgia fra i tasti, non era male immaginare il socialismo come una grande sfilata di Maggiolini con le bandiere rosse, come ci piaceva fare negli anni Sessanta."
Paco Ignacio Taibo II

lunedì, luglio 28, 2003

Oggi così

"Voglio una 9 mm, uno zaino e dell'esplosivo"
Lara Croft, TombRaider, The Angel of Darkness

mercoledì, luglio 16, 2003

Bush progressista

Una piccola considerazione.
Taluni, tra cui l'imponderabile
Giuliano Ferrara, hanno spesso avuto
l'audacia di affermare che
J.W. Bush è a capo di un
complesso militare "progressista",
in cammino col suo popolo.

Se le cose stanno in questo modo,
mi viene in mente un aforisma
quanto mai adatto alla circostanza:
"chiunque, per distrazione o
per incompetenza, fermi sia pure
per poco l'umanità nella sua marcia,
è un benefattore" (E.M. Cioran, 1952)

martedì, luglio 15, 2003

Chi siamo

"Chi sei, povero fiore
piantato in altra terra
che fiori vendi, per strada?

E io? - mi chiedo - ho forse radici
più forti o in terra più salda?"

Abdul-Mu'min al-Jerrahi, Raccolte

venerdì, luglio 11, 2003

Avvertenza cibernetica

"Non credetevi mai di essere altro
che quello che potrebbe sembrare ad altri
che quello che eravate o avreste potuto essere
non fosse altro che quello
che siete stati
che sarebbe sembrato loro essere altro."

Lewis Carroll, Alice nel paese delle meraviglie

martedì, luglio 08, 2003

Non il tempo

"Caduta di petali dagli alberi
da frutto fioriti.
Sapere che le cose più preziose
non sono radicate
nell'esistenza.

Saperlo è bello.
Perché?
Perché proietta l'anima
fuori dal tempo".

Simone Weil, L'ombra e la Grazia

lunedì, luglio 07, 2003

Il Bush di Maggio

"Si tratta chiaramente di un bilancio.
Ci sono un sacco di numeri".

Reuters, 5 maggio 2000

venerdì, luglio 04, 2003

Su la maschera

Due settimane di ferie. I fondali sono - come al solito - belli. Io la maschera ce l'ho.



Mentre cercherò con tutte le mie forze di passare da Defcolor 6 a Defcolor 8, confortata da sublimi letture parsimoniosamente accantonate per mesi, il blog sarà nelle care mani di Limpido, aka Prof. Rosenbluff, aka signor Goldrap, aka Selenius Pebblex - un giovanotto che conta più nomi di Prince, a ben vedere.
Baci.

giovedì, giugno 26, 2003

Would be

"Se siamo studenti, aspiriamo alla promozione. Sul lavoro aspiriamo a essere sempre più bravi, più importanti, più potenti, sempre più ricchi. Nel tempo libero invece si aspira a fare un bel viaggio, una vacanza rilassante, a divertirsi o a imparare qualcosa di nuovo. Nell'amore si aspira alla felicità, nella cura del corpo alla bellezza. Secondo le agenzie di stampa in lingua inglese coloro che arrivano sulle nostre coste invece sono meno ambiziosi, li chiamano would be immigrants, la loro aspirazione è solo quella di essere immigrati."
jena, dal Manifesto di due giorni fa.

mercoledì, giugno 25, 2003

martedì, giugno 24, 2003

Test

Test
a) Queen Elizabeth II.
b) il ritorno di David Bowie en travesti.
c) il generale Lebed, risorto e in tenuta da nozze.




Hai risposto a: Hai la sindrome da Lady Diana, ovvero la nuora in-com-pre-sa e completamente soggiogata.
Hai risposto b: Ma ascolti ancora Hunky Dory?
Hai risposto c: Sei reduce da un matrimonio; il prete aveva il piglio crudele di un nazista in un film di Costa-Gavras; il libretto della messa contava 17 pagine scritte in Times New Roman corpo 10; ti sei rifiutata/o di ballare Asereje durante il ricevimento. E questa è tua suocera, cretina.

venerdì, giugno 20, 2003

The real thing

L'Ente Supremo (che per i mirumiri potrebbe essere il Partito Unico, oppure un'idea, come il Socialismo e la Lotta di Classe), non contento di aver creato i cugini, ha creato i matrimoni dei cugini. Ed eccoci qui, costretti a schilometrare di parecchio e vestirci a festa per un lieto evento alle quattro del pomeriggio di un giorno da vani. Mi dicono che soffia pure il phon.

Io sarò così: ingessata nella mia divisa da nozze, come un apparatnik in gita premio a Novosibirsk. Avrò già maledetto le scarpe (la punta e i tacchi, in quest'ordine) e starò ballando con un cugino dodicenne di secondo grado.

Poi, è sempre così: ti accorgi di invecchiare quando ti rendi conto che l'anno prima stavi al tavolo dei giovani e stavolta ti hanno piazzato vicino a un'Uma Thurman del 1911 col rossetto sui denti.

giovedì, giugno 19, 2003

Che t'ha detto Kassandra?

Lodo Maccanico, Berlusconi: Italia come Europa
La legge che proibisce di processare le alte cariche dello Stato e che ha la conseguenza di bloccare il processo in corso a Silvio Berlusconi è stata salutata dal presidente del Consiglio italiano come un passo avanti verso l'omogeneizzazione della legislazione italiana a quella europea. "Finalmente l'Italia si allinea con gli altri Paesi europei", ha detto Berlusconi al margine del vertice del Partito popolare europeo in corso a Kassandra in Grecia, dove domani si terrà il Consiglio europeo.

"Il lodo almeno mette un limite all'uso di armi improprie che non sono parte della democrazia - afferma Berlusconi - democrazia che si basa sulla sovranità popolare, su libere elezioni, sulla libera stampa, sulla libera televisione, ma non su altro." (fonte repubblica.it)

keywords: omogeneizzazione, almeno, limite, armi improprie, libere elezioni, libera stampa, libera televisione.

Frase del giorno, del giorno, del giorno
"Dare agli italiani la certezza di non subire, nessuno di loro, quei calvari che io ho provato in prima persona, e che nessuno, nessuno, nessuno, dovra' piu' potere essere chiamato ad affrontare." (fonte ansa)

Vignetta di Vauro, di qualche settimana fa, dal Manifesto.

mercoledì, giugno 18, 2003

The real thing

“Hai portato l’auto a revisionare? Se è a posto te la fanno subito”.
“Dicono che devo tornare più tardi”.

Due ore dopo.
“Dicono che devono cambiare le gomme e di tornare pomeriggio. Allora uso l’altra per andare al lavoro. Me la puoi ritirare tu, pomeriggio?”

Due ore dopo.
“Dovresti anche cambiare l’olio, ogni tanto”.
“Sì, ma guarda che ce lo aggiungo spesso” [piccato] Poi: “Meno male che abbiamo un doppione delle chiavi della seconda macchina!”
“Non hai dimenticato nient’altro dal meccanico?”
“Le lenti da sole, ma oggi non c’è sole”.
“Altro?”
“L’auricolare, ma casomai spengo il telefono. Secondo te potrebbe far freddo?”.
“Porta la giacca blu”.
“Ho lasciato in macchina anche la giacca blu”.

“Ok, scendo con te”.
“Ci sei stasera? Ho dimenticato anche le chiavi di casa dal meccanico!”.

Dieci minuti dopo.
Sms: “Ho dimenticato anche la chiavetta per la macchina del caffè”.

Un’ora dopo:
“Ho dovuto prendere tre caffè perché non avevo gli spiccioli”.

Fantasia numeroplastica

In un p.s. affermava, enigmatico:
"Sai che mi è venuta voglia di vedere la 28ma ora?"
"La 28ma ora?"
"Boimè, mi sono sbagliato! Il titolo è forse 'la 18ma ora', allora".

Era poi 28 giorni dopo.

martedì, giugno 17, 2003

Il destino di un condottiero

Mi arriva la pubblicità di un manuale sulla Leadership (il maiuscolo non è mio) per i manager del terzo millennio. Il titolo, I nuovi condottieri, potremmo averlo inventato noi dell'Agenzia Walrus nei nostri momenti più ilari e ispirati.

Tra gli argomenti del libro:

Il manager che demotiva i collaboratori mentre pensa di motivarli.
Che cosa DAVVERO vogliono i collaboratori per dare il massimo: conoscere gli stimoli che spingono le persone ad agire.
Come portare i propri collaboratori a considerare propria l'azienda dove lavorano.

Si sollecitano fantasie sull'argomento.

sabato, giugno 14, 2003

Riedenschneider

"Looking at something changes it. They call it the 'Uncertainty Principle'. Sure, it sounds screwy, but even Einstein says the guy's on to something."

The Man Who Wasn't There, Joel & Ethan Coen.

lunedì, giugno 09, 2003

Otto braccia per allontanarti

Con quali nomi posso ora chiamarti?
nuocera*, madrepora*, tapiroulante assalitrice?
Immagino che questa pasta fredda
sia tu fatta a pezzetti:
mastico e ingoio.

"L'anima sceglie i suoi compagni,
poi chiude la porta".
Vorrei avere adesso
minimo otto braccia
per allontanarti.

*definizioni non mie.

venerdì, giugno 06, 2003

Momento di vertigine lirica dickinsoniana numero 1

Beauty - be not caused - It is -
Chase it, and it ceases -
Chase it not, and it abides -

Overtake the Creases
in the meadow - when the Wind
Runs his fingers thro'it -
Deity will see to it -
That you never do it -

(La Bellezza non ha causa: Esiste; Inseguila e sparisce. Non inseguirla e rimarrà. Sai afferrare le crespe del prato, quando il vento vi avvolge le sue dita? Iddio provvederà perché non ti riesca mai).

Terminologia mirumirabile

"Sole giaguaro".
Espressione dal dosaggio intenso e,
mi sia consentito,
icasticamente neo-nouveau:
dove la tipicità maculata rimpiazza
la teoria del "dogma floreale”.

Sempre più belli ogni giorno che passa

“I can't wait until tomorrow ... 'cause I get better-looking every day” (1972).
by Joe Willie Namath

Non è alta letteratura. Ma i coscienziosi sanno fino a che punto
tale argomento può divenire profezia!
Avvertenza (per volontà dell'editore):
conseguenze del "processo" non trattate nel piano d'opera.

mercoledì, giugno 04, 2003

Vanno a Londra e poi hanno caldo

Fine maggio, doccia sotto le fontane di Somerset House, alle dieci di sera.
(Post crudele.)

giovedì, maggio 29, 2003

O dramma o niente

"Abituati a vincere, abbiamo scoperto che perdere non finiva per ucciderci, e ciò ha il suo mistero. [...]
La prima lezione di ogni giocatore e di ogni allenatore dovrebbe essere questa: In questo gioco, se non c'è dramma non c'è niente. Se perdere o vincere una partita non viene vissuto come un evento cruciale e con una trama e una storia, con una svolta o una catastrofe, che riguarda il passato, il presente e il futuro, la dignità e il decoro e naturalmente la faccia con cui uno si alza l'indomani, allora lasciamo perdere e guardiamo in televisione le squadre degli altri con equanimità e tiepidamente (ben presto ci allontaneremmo da un programma così insulso). Il calcio è il circo dei nostri giorni, ma anche il teatro. Deve essere emozione, paura e tremito, desolazione o euforia".

Javier Marías, "Cuori così bianchi", Selvaggi e sentimentali.

Titolo del giorno

Sexy Kylie's got Botti-celli
Pop princess Kylie Minogue’s bottom is such a work of art it will feature at an exhibition.

Chiedo scusa, non riesco a resistere ai tabloid inglesi.

lunedì, maggio 26, 2003

Aggiunta su The Matrix Reloaded

E dimenticavo il "fisting resuscitante" (copyright di U.) nel sottofinale del film.

Neologismi recenti

Ai neologismi recenti si aggiunge oggi l'espressione:
"chiave di svolta"
(sentita da un meteorologo alla tv)

No dobraroba

(E io che pensavo che Keanu Reeves potesse tornare nella lista dei miei fidanzabili.)
Matrix Realoaded
è brutto. Morpheus panzocchio, sesso giudiziosamente estasiante e hollywood-style, trivialità startrekkiane, combattimenti sfibranti, dialoghi pretenziosi, gemelli rasta albini, un Merovingio definitivo e una Persephone, una Persephone che si doppia.
L'Architetto, dice U., sembra il San Pietro dello spot Lavazza.
Di sicuro ho visto di peggio, ma adesso non me lo ricordo.

Frase del giorno:
"There are levels of survival we are prepared to accept".
The Matrix Reloaded

giovedì, maggio 22, 2003

20 dollari

La paga di un insegnante di Baghdad va dai 0 ai 20 dollari: (solo) alcuni infatti hanno appena ricevuto 20 dollari una tantum dopo due mesi di lavoro senza stipendio.
Cosa si compra a Baghdad con 20 dollari:
due chili di latte in polvere
due chili di carne
due chili di arance
sei litri d'acqua in bottiglia
e trenta uova.

Fonte: ElectronicIraq

lunedì, maggio 19, 2003

Uno straordinario caso di identificazione

E uno straordinario caso di identificazione:
"A questo punto preferirei essere Edward Norton."
"Eh sì."
"E infatti, però lui vende droga."
"Ma nel film!"

Neologismi recenti

"Vado in looping" che diventa "Vado in loopim" e quindi, fatalmente, "Vado in Upim".

sabato, maggio 17, 2003

Pintor

"Nella realtà non è rimasto in piedi quasi nulla della cose che mi stavano a cuore. Quella guerra per esempio, a cui ho dato una così grande importanza, è stata un esercizio passeggero a paragone del'intreccio di ferocia e futilità che vedo intorno, che corona il secolo e governa la nostra intimità. E nomi e luoghi e date che avevano anche loro per me una grande importanza ho preferito non indicarli per evitare che mi si sbriciolassero tra le mani come polvere.
In verità la ruota della storia gira benissimo all'indietro o su se stessa come una trottola. Ne concluderò che le tenaci passioni, i nobili ideali, le generose intenzioni, le fatiche e gli errori sono una favola folle? No di certo, sono in ogni tempo il sale della terra e così è stato anche in questi decenni. Ma basta una pioggia a lavare la terra e il sale si scioglie in acqua".
Luigi Pintor, Servabo.

[servabo: conserverò, terrò in serbo, terrò fede, o anche servirò, sarò utile.]

venerdì, maggio 16, 2003

Cinelandia

"L'attrice principale era la sorella di Meg Tilly."
"Un specie di Gromyko giovane."
"Poi a lei ovviamente a un certo punto spunta una cresta sulla schiena."
"Sai quell'attore che fa bene le parti dello piscopatico?..."

giovedì, maggio 15, 2003

Back to the future

1983: "Vieni ieri al cinema"?
1997: "Domani ti restituisco la cassetta; ho già visto 6/7 della prima parte"!
2010: "Non volevo offenderti, ma sai, qualche volta manco di certa squisitezza".
2030: "Ho votato bene. Questi comunisti!"

mercoledì, maggio 14, 2003

The real thing

a) "No, lui è praticamente un bambin prodige"
b) "Lo dice anche Amnesy International!"
c) "Son stati felicissimi di vederci. Hanno detto: – Ci avete proprio staccato l'aria."
d) "Volevo vedere com'era questo posto nuovo, così sono andata un po' in avanspettacolo"
e) Sulla segreteria telefonica: "Ah, non ci sei, no, volevo solo confulare un po'".
f) "Io mi piacerebbe fare la giornalista."
g) "Io sento tantissimo i cambiamenti del tempo, figurati, sono omeopatico."

The real thing

Gli Strambolotti di Limpido Lucchesi
(per gentile concessione Mirumir)

Nota: fatti non solamente accaduti!

a) "Io adesso vado-andrò";
b) "ma che pietanza Xcuisita!
(con la X; "massa" in evidenza)";
b) "in diro a gire";
c) "vuoi chiederti qualcosa?";
[la persona non ha risposto;
poi, fortunatamente, mi ha sorriso].
d) "credo proprio si debba andiamo!";
e) "Dammi pure del tu!",
[ed ecco che, guadato il Torre
dei convenevoli.....]
"Che tipo di film preferisce?".

martedì, maggio 13, 2003

Oggi

Oggi però mi sento un travel weary Capricorn.

Viaggio

“Chi viaggia è sempre un randagio, uno straniero, un ospite; dorme in stanze che, dopo di lui, albergano sconosciuti, non possiede il guanciale su cui posa il capo né il tetto che lo ripara. E così comprende che non si può mai veramente possedere una casa, uno spazio ritagliato nell’infinito dell’universo, ma solo sostarvi, per una notte o per tutta la vita, con rispetto e gratitudine. […]

Nel viaggio, ignoti fra gente ignota, si impara in senso forte a essere Nessuno, si capisce concretamente di essere Nessuno. Proprio questo permette, in un luogo amato divenuto quasi fisicamente una parte o un prolungamento della propria persona, di dire, echeggiando Don Chisciotte: qui io sono chi sono.”

Claudio Magris

domenica, maggio 11, 2003

Cronache della città di G.

"Giovedì, alle 17.30, circa, passando con la macchina Punto per via Cordaioli [...] un ragazzino attorno ai 9-10 anni ci ha lanciato contro una bottiglia di plastica contenente acqua, colpendo così la macchina, e, essendo il finestrino aperto, ci ha bagnato. [...] Siamo scesi dalla macchina per accertare l'effetto del lancio dell'oggetto e gli eventuali danni provocati e abbiamo rincorso il ragazzino, che si dirigeva verso via Torriani, su una bicicletta rossa.
Alla nostra richiesta di fermarsi egli fuggì, dicendo che non era stato lui quello che aveva lanciato l'oggetto contundente, mentre noi l'abbiamo visto benissimo fare il gesto, raccogliere la bicicletta che era sul prato e scappare. Questa affermazione la ripeté, continuamente, scomparendo entro le case di via Cordaioli-via Torriani.
Segnaliamo il caso per richiamare l'attenzione anche delle famiglie del rione".

Lettera firmata, seconda pagina di cronaca locale di un quotidiano, sabato 10 maggio 2003.

sabato, maggio 10, 2003

Cronache della città di G.

Suonano.
– Buongiorno signora, è l'Armando Editore.
– Ah, non so leggere, guardi.
– È un questionario!
– Non so neanche scrivere.
– Ma la sua vicina? [io]
– Neanche!

venerdì, maggio 09, 2003

Il nome della cosa

Mi era sfuggito che Bush avesse rinominato il 1° maggio: da Labor Day a Loyalty Day! Questa euforia patriottico-nominalista non smetterà mai di divertirmi, mio malgado.

giovedì, maggio 08, 2003

mercoledì, maggio 07, 2003

Grazie dell'intervento, agenti!

È un evento realmente accaduto qualche anno fa.
A Filadelfia: una setta radicaloide detta "MOVE",
che ha (aveva?), fra le altre regole stravaganti,
quella di rifiutare – simultaneamente –
la pratica dell'autopsia e la rimozione delle immondize,
viene fatta sgomberare dalla polizia
che causò la morte di undici persone
e provocò l'incendio di circa trenta case.
Tra cui, ironia della sorte,
tutte (proprio tutte) quelle dei vicini
che avevano preteso l'allontanamento della setta.
Police, OK!
Sono gli stessi che danno la caccia
ai saddamiti?

lunedì, maggio 05, 2003

Qui it.cultura.libri

L'ultima volta che ho letto Philip K. Dick volevo parcheggiare l'auto sul tetto.

Numeri

Almeno 1100 i civili iracheni morti nella battaglia per Baghdad secondo i 19 maggiori ospedali della città.
Sempre secondo i dati dei ricoveri ospedalieri, altri 1255 morti erano "probabilmente" dei civili, compresi donne e bambini in gran numero.
Queste cifre non comprendono ovviamente i civili che non sono mai giunti all'ospedale, e che sono stati sepolti in fosse in vari punti della città.
Sono stati almeno 6800 i civili feriti.

Mi' suocera

"Ragazze, il mio terrazzo è un giardino e sarà una settimana stupenda! E a Milano ci saranno 30° gradi!"
"Ehm, non è che 30° gradi a Milano sia proprio una bella notizia."

Due ore di piena esposizione, senza schermi né filtri, è un po' come guardar negli occhi il basilisco. Non ero più abituata. A casa, poi, ho giocato un'ora a The Getaway, guidando contromano a Londra e mettendo sotto tutti gli individui di sesso femminile.

mercoledì, aprile 30, 2003

Mantra

Calo di energie? Sonnolenza primaverile? Ti senti depresso, un po' demotivato, preoccupato? Sei in ansia per il Medio Oriente, per la Cina e anche pensare all'Africa non ti fa sentire tanto bene? L'amministrazione Bush ti dà l'orticaria?
Il mantra di oggi è: Cesare Previti, 11 anni.
Con me, almeno per oggi, funziona.

martedì, aprile 29, 2003

Il vikingo

"Encomio e onore alle armi per Blix!
Ammettiamolo, ci manca un sacco questo vikingo,
con modi e fattezze da pediatra buono.
Blix è stato, viva Blix!
Per fortuna, la trio canzone (che europea sempre è),
almeno lei, non ci abbandona."

(email di U.)

martedì, aprile 22, 2003

lunedì, aprile 14, 2003

Not meat, not fish

Oggi Olga è andata al consolato italiano a consegnare la documentazione per il visto (io nel frattempo ho faxato certificati, inviti formali, dichiarazioni che loro comunque hanno negato di aver ricevuto). La volta scorsa l'hanno trattata malissimo, hanno voluto che mostrasse loro di possedere l'adeguata somma di denaro, di sapere l'inglese, che precisasse perché volesse mai visitare l'Italia e magari imparare l'italiano.
Oggi ha portato con sé per maggiore garanzia anche il libro edito da noi per consegnarlo al console e al suo vice. Loro hanno pensato che si trattasse di una bustarella.
Poi si sono tranquillizzati e sono tornati al contegno impassibile di sempre.
Olga, flemmatica, ha commentato: "They are very indifferent people anyway. Not meat, not fish."

L'appalto

Ma vediamo un po': quali sono i trascorsi della DynCorp, la compagnia statunitense che ha vinto l'appalto per costituire un corpo privato di polizia in Iraq?

mercoledì, aprile 09, 2003

martedì, aprile 08, 2003

Vari link

The smoking gun
"Pensavano si trattasse di un agente nervino, ma è un pesticida". fonte afp

Pensa, alla tv avevano mostrato dei bidoni con la scritta "pesticida", ma chi poteva credere che contenessero veramente pesticida?

Torture
E così i resti di quelle duecento persone trovate vicino a Bassora non erano vittime di torture, ma soldati iraniani uccisi nel conflitto dell'1980-88 tra Iran e Iraq. Fonte Albawaba.

Disinformazione
Sempre a proposito di disinformazione: su Asian Times Online c'è un articolo molto interessante di Gregory Sinaisky, che prende lo spunto dalla notizia della cosiddetta rivolta degli sciiti a Bassora ("Gli sciiti di Bassora in rivolta attaccano le truppe governative", titolava il Wall Street Journal del 26 marzo) per passare a un'analisi delle tattiche della disinformazione e dei magici poteri del "sembra che". Conclusione di Sinaisky: la verità è specifica, la menzogna è vaga. Cercate sempre dettagli concreti nelle notizie riportate; se l'immagine è fuori fuoco, c'è sempre una ragione. Seguono i nomi delle stelle nascenti della disinformazione.

mercoledì, aprile 02, 2003

La sporca guerra del sergente Schrumpf

"We had a great day, we killed a lot of people".

A proposito di una donna uccisa perché si trovava vicino a un soldato iracheno:
"I'm sorry, but the chick was in the way".

Fonte: The New York Times

domenica, marzo 30, 2003

Valide risposte

Fanciullo: "Padre, gli Americani e i Britannici sono responsabili di questi massacri?"
Figura-stimolo: "Figliolo, essi sono responsabili nel senso etimologico del termine, cioè coloro che rispondono".

Alabaster Oldfield (da "L'oppio è l'anagramma dei popoli", di Vena Devenant)

giovedì, marzo 27, 2003

I just can't get enough

È in arrivo dall'Inghilterra un nuovo tipo di ghiacciolo che non sgocciola e non si scioglie: "sotto i raggi del sole il ghiaccio si trasforma in una gelatina dallo stesso sapore del ghiacciolo". I ghiaccioli, che costeranno circa due euro, avrebbero già raccolto convinti consensi dai primi assaggiatori.
"I nostri clienti ci hanno sempre confermato di amare i ghiaccioli ma, soprattutto per i bambini, lo sgocciolamento è sempre stato un problema."
Fonte: La Repubblica 26/03/03

Vive la France (perdonate il mio francese)

Sull'Air Force One il French toast è stato sostituito dal Toast della libertà, seguendo il destino delle French fries, diventate anch'esse Freedom Fries nel fervore patriottico.
C'è qualcosa che devo sapere sul French kiss?

Noio vulevon savuar

Questo è uno stralcio di un'intervista a George Bush senior pubblicata su Newsweek, nella traduzione apparsa su Repubblica lunedì:

- [...] Ciò che davvero mi irrita adesso sono le critiche rivolte al presidente e a Colin Powell che parlano di "fallimento diplomatico". Il problema cui devono far fronte adesso è totalmente diverso, molto più complesso e qualsiasi confronto sarebbe come mettere sullo stesso piano il giorno e la notte. Pare che sia au courant - perdonerete il mio francese, ma l'ho studiato per 11 anni - ma io non sono affatto d'accordo. Penso che quando si scriverà la storia, la gente scoprirà delle cose molto interessanti riguardo la posizione assunta dai francesi. E sono anche molto contrariato dalla posizione della Germania. Non posso fare nomi, ma conosco molti tedeschi che non sono nel governo di coalizione di Schroeder e che sono molto, molto irritati per la posizione assunta dal loro governo.

Quale pensa che sia il problema della Francia?


- [riflette] Sono francesi.
Ha qualche teoria in proposito?
- No. C'è sempre stato un po' di attrito. Un giorno parlando ad un gruppo di intellettuali francesi dissi: "Voi pensate che noi siamo arroganti. Noi pensiamo che voi siete francesi". Loro si guardarono l'un l'altro stupiti, forse credevano che avessi detto qualcosa di molto intelligente. Ma forse le cose stanno proprio così. È brutto dirlo, ma la vita va avanti e dobbiamo fare quello che per noi è giusto fare.

lunedì, marzo 24, 2003

Cronache della città di G.

Leggendo quello che un giornale locale chiama "Bollettino dei distratti" si apprende che tra gli oggetti rinvenuti a G. nel mese di febbraio ci sono:
un girocollo di pelo, "le immancabili biciclette", un orologio da uomo, un portafogli con una somma in denaro, un portachiavi con chiave d'auto.

Nessun girocollo di pelo è stato maltrattato durante la stesura di questo post.

venerdì, marzo 21, 2003

Nailed

"We have nailed our names in the pages of history enough for today."
Full Metal Jacket, Stanley Kubrick

Embed this

A proposito di embedded journalists:
"We are dealing with a person in the case of Saddam Hussein and his regime that are accomplished liars," Mr. Rumsfeld said. "They are consistently, day after day, saying things that aren't true. And it strikes me that having people who are willing to report the truth --the free press from around the world --is probably a good thing."
"The relationship between the media and the military doesn't have to be adversarial," added Lt. Col. Dan Stoneking, one of the Pentagon public affairs officers working on the plan's details, "In this case, it can be mutually beneficial. They want to tell a story; we want the story to be told."

Live dal 51° Stato

In questo momento su Raitre ci si esalta per la "positiva concorrenza tra i Network" (con riferimento alla trasmissione di immagini con il logo Rai su CNN).

giovedì, marzo 20, 2003

An indisputable fact

It is, I think, an indisputable fact that Americans are, as Americans, the most self-conscious people in the world, and the most addicted to the belief that the other nations of the earth are in a conspiracy to under value them.
Hawthorne, Henry James (1879)

mercoledì, marzo 19, 2003

Il tempo di un toscano

Roma, 12:55
Iraq, Bossi: I profughi stiano a casa loro, non li vogliamo
"Sia detto senza mezze misure: profughi noi non ne vogliamo. C'è chi dice che saranno un milione? Stiano a casa loro". Lo dice il leader della Lega Umberto Bossi, dicendosi però convinto che "nel tempo in cui si fuma un toscano è finita la guerra, a meno che Bush non si impantani e allora perde. Per questo - aggiunge - non ci sarà il tempo necessario per fare i profughi". Bossi afferma anche che "la Lega pensa che la guerra raramente sia una soluzione, ma non è colpa nostra se comincia".

Messaggio da Hennessy

Sembra che in matematica militare sia sorto un nuovo concetto.
Si chiama "effetto Powell".
Che può esprimersi con l’esempio seguente: “siamo in 45, di cui 30 visibili”.
Molti hanno già pensato alle rivoluzionarie, estensibili, applicazioni.
Nel campo editoriale, ad esempio.
Si pensi a schedature del tipo: "titolo, autore e casa editrice tal del tali”,
e poi, “pag. 325 (visibili), ill., eccetera".
Insomma, le applicazioni sembrano infinite, e democratiche.

Hennessy

martedì, marzo 18, 2003

Mr Dosson

Le fogne di Parigi mi hanno fatto venire in mente l'americano Mr Dosson che a Parigi ama vedere "the great markets, the sewers and the Bank of France", (The Reverberator, Henry James, 1888).

lunedì, marzo 17, 2003

Centrinità

(In salotto)

Circondata
da mandala infantili
di cotone inamidato,

(perplessa)

osservo
l’insondabile mistero
del punto catenella.

(Purtroppo)

assorta
nell’enigma del crochet
ho perso ancora il filo del discorso.

venerdì, marzo 14, 2003

The real thing

La gaffe di Berlusconi alla convention per presentare la candidata (leghista) del centrodestra alle regionali del Friuli-Venezia Giulia:

"Auguro quindi buon lavoro ad Alessandra Guerra, che si appresta ad affrontare una difficile campagna PUBBLICITARIA."

Irremovibil-trainer

Ho applicato il tuo sistema
moltiplicato per quattro
solo per sicurezza.
(Che sarà mai
"qualche plutonica escursione
in panca piana"?)
Gli addominali ringraziano
Anche per quest'anno
Niente costume intero.

giovedì, marzo 13, 2003

La metro, eccetera

Che sollievo sarebbe per me
uscire di casa la mattina,
e sentire una voce che dice
mind the gap, please, mind the gap.

martedì, marzo 11, 2003

Cat in a box

Gatta in scatola, cinque minuti fa:

Ospiti

La blog-squadra si allarga.

"Come diceva mia moglie, avevamo ospiti."
L'uomo che non c'era, Joel & Ethan Coen.

lunedì, marzo 10, 2003

Disturbi

Da un volantino pubblicitario:

"L'idea di guardare e toccare uno stripman ti sembra un'inutile umiliazione da evitare. Non avere paura, potrebbe trattarsi solo di...
UN PROBLEMA DEL CACTUS (CACTUS scritto molto grande, diciamo corpo 24, effetto smusso e rilievo)
Risolvi l'eventuale disturbo: SABATO 8 MARZO alla festa della donna".

Segue l'immagine dello stripper, da me pixelato per motivi di PRIVACY:

martedì, marzo 04, 2003

Pace al mondo, Mirumir!

Sono contro la guerra in Iraq
Ero contraria a bombardare i Serbi
Tutti pacifisti, adesso?
Son cose che danno sui nervi.

sabato, marzo 01, 2003

Mi viene da pensare

Mi viene da pensare
Che i Settanta non erano poi male
L’elettronica Berlino Brian Eno
Fripp e Bowie e Iggy Pop,
Techno, prog e decadence
Heavy cosmic e space rock
Dall’analisi è ormai chiaro
E di colpe non ne ho
Scusa, è ora che l’ammetta:
Proprio non mi piace Bjork.

venerdì, febbraio 28, 2003

Segnalazione di Limpido-Dober (notizia vera!)

In un'amena località del tarvisiano sta per essere organizzata una gara sciistica per soli prelati e religiosi. Il titolo: "Il Signore scia con te!!

venerdì, febbraio 21, 2003

The real thing

"ATTENDENDO RISPOSTE ANCHE NEGATIVE. VI ALLEGO FILE, MA SE NON LEGGETE IN ELETTRICO BASTA CHE MI FORNIATE
INDIRIZZO... "

giovedì, febbraio 20, 2003

Under influence

Ieri pomeriggio-sera stavo peggio della Juve, con la consolazione però di non dovermi battere con il Manchester: febbre a 38,5, dolori alle ossa, mal di testa.

E allora nel delirio ho acceso la tv. In caso di malattia, con me funziona solo se i programmi sono i peggiori. E ho ancora il rammarico di aver dovuto scegliere tra la De Filippi e la D'Eusanio. Dalla Maria c'era una ragazza che entro il 30 aprile 2003 deve (ma io credo: vuole) trovare l'uomo della sua vita, selezionandolo tra 30 boys 30 presenti in studio. Ogni volta ne deve eliminare due e sceglierne altri quattro con cui passare un po' di tempo fuori dello studio e, attenzione, con-tem-po-ra-ne-a-men-te. Fuori dello studio (esterna, si chiama), ma sempre sotto l'occhio vigile delle telecamere. Insomma, in ambiente pastorizzato Mediaset: volgaruccio, andante, ma l'unica orgia possibile è quella tra gli accessori maculati, le extension e i coprispalla di foca finta. Adesso la racconto così, ma il programma chiama a raccolta tutti gli istinti più bassi (ed esibisce uomini con tagli di capelli sconcertanti e camicie modello afterhours). Poi, dopo un dormiveglia durato circa un'ora (c'era sempre la De Filippi, ma il programma era diventato Saranno Famosi, pensare che odiavo anche la serie tv), via con Verissimo, in cui per beccarsi il ghigno tirato della Parodi le soubrette devono dimostrare di essere almeno iscritte a lettere o di essere brave mamme, in una parata trionfale di pance seimesi, diplomi e album della comunione. Poi: Sereno Variabile, Grande Fratello, sport, tg a raffica, tanto Parlamento.

Stanotte ho sognato che Mastrota mi voleva vendere un materasso di peluche.

Oggi sto meglio.

mercoledì, febbraio 19, 2003

Messaggio da Kapitan-trash

"Il 18/02 io risponderei che tra i candidati al Nobel per la pace va messo pure Joe Namath. Joe chi? Joe-colui-che ha detto: non posso aspettare sino a domani perché divento sempre più bello ogni giorno che passa! La qual cosa per noi non è affatto un'ipotesi, poiché siamo sempre in fase ardimentosa di installazione-aggiornamento. Per noi il defrag non ci sarà mai."

martedì, febbraio 18, 2003

Televideo

Tra i candidati al Nobel per la pace: Bono, Papa, Chirac.
Mia suocera niente?

Sempre più belli ogni giorno che passa

Sta per essere presentata "la massima espressione del telefono come oggetto di moda". È una linea "che dura solo sei mesi, come la collezione di uno stilista". I modelli in vendita saranno quattro, ma solo per sei mesi (e che cavolo). Dopo, spazio alla "nuova stagione". Il design del telefono è "a metà tra le caramelle e gli Ufo" (a questo punto dovremmo aver capito tutti).
Leggo che questo nuovo prodotto per cervelli fini "si appende al collo e, privo di tastiera, si attiva con la sola voce". I prezzi vengono definiti "normali, da 199 a 399 euro".
Normali per cosa?

lunedì, febbraio 17, 2003

Il buon partito

Cercasi partito
Per pronunciare senza vergogna
"Comunismo" "lotta" e "rivoluzione".
Cercasi partito
Di sana e robusta costituzione.

Cercasi partito
Al quale affidare un voto convinto
Astenersi no-global, movimenti e perditempo
Un partito capace
Di mandar obediciendo.

Cerco coraggio intelligenza ardore
Mezze misure no, né centrosinistra
Cerco un partito unico, politico
Meglio se marxista-leninista.

Offro passione, lucidità e buone letture
Laicismo illuminato e sana virtù
Solo se in possesso dei requisiti, e interessati
Citofonare 36, interno q.

martedì, febbraio 11, 2003

Modi per evitare che tua suocera si trasferisca a casa tua

– "Ma come, non ti ho mai detto che questa casa è stata costruita su un cimitero di jugoslavi incazzati? Imperdonabile."
– "Certo, bella casa, peccato che sulle mappe sismiche questa sia una zona di colore rosso. Neanche il tempo di mettersi le pantofole."

lunedì, febbraio 10, 2003

Quelli che capitano a me

Quelli che capitano di solito a me, quelli che vogliono pubblicare di brutto:

– scrivono storie più lambiccate di un intero Final Fantasy, minigiochi inclusi (ma con meno magie);
– di solito ti mandano anche la copertina, da loro creata usando possibilmente tutti i filtri di Photoshop;
– sono convinti che se ti piace il libro dovrai per forza amare la copertina (il ragionamento per filare fila);
– certi hanno letto troppo Camilleri;
– poi ci sono i dickiani;
– ti avvertono: "non tollererei dei tagli alla mia creazione";
– certi nella parte del protagonista ci vedrebbero Ed Norton;
– alcuni si capisce che hanno letto Il Signore degli anelli;
– alcuni si capisce che hanno visto Il Signore degli anelli;
– ad alcuni il Signore degli anelli deve essere proprio apparso e non si sono più ripresi.

Io il più delle volte non ho la forza morale di rispondere.
Loro, mi sa che sono abituati.

The real thing

"Guarda che i coltelli hanno un loro fascino." (con l'aria di chi la sa lunga)

"Sentite, dov'è che vi posso spedire l'intonso?"

Modi per evitare che tua suocera si trasferisca a casa tua

– Farle capire che le pulizie di casa sono questione di Weltanschauung, e che quello che ha visto non è certo un ragno di peluche.
- Sviluppare una passione malata per la musica industriale, senza cuffie.

domenica, febbraio 09, 2003

The real thing

D. - Amore, se io fossi un povero cagnolino senza padrone tu mi adotteresti?
F. - Sì, ma a distanza.

Sere fa Daniele ha perso il telefono sotto casa nostra (e probabilmente ci è passato sopra con la macchina un paio di volte, tanto per essere sicuro di averlo disintegrato).
M. - Mi dispiace tantissimo, accidenti.
D. - Cosa vuoi, quando uno ha Urano nel segno.

Sir Hugh - Buongiorno, cerco un regalo per una mia amica.
Signorina - Si tratta di una donna sofisticata?
Sir Hugh - Non direi SOFISTICATA, direi RICERCATA.

Sir Hugh - Sai mezz'ora fa, quando ti ho detto che la Sara è una mia amica?
M. - Sì.
Sir Hugh - Beh, non è mia amica.

D. - Mi figuro già il giorno delle nostre nozze: l'abito bianco, il bouquet di fiori bianchi, forse anche un velo di tulle bianco...
F. - Guarda che anche i capelli saranno bianchi.

Modi per evitare che tua suocera si trasferisca a casa tua

– Farle comprendere con seducenti giri di parole che ciò che lei ha scambiato per una camera degli ospiti è una specie di magazzino.
– Addestrare il micio di casa all'agguato, tenerlo sempre sull'orlo della crisi di nervi, le unghie sempre estratte e pronte a entrare in vena. L'ideale è farlo giocare con un oggetto sottratto alla s. (un guanto, una calza, una pantofola), o cospargere il tiragraffi con il suo profumo preferito, Violetta di Tarma.
– Tenere sempre in casa un ospite, o almeno un accappatoio con le sue iniziali.
– Simulare un guasto alla caldaia (lato inverno) o al climatizzatore (lato estate). Per fortuna le mezze stagioni non esistono più, via.
– Accennare vagamente ad alcuni problemi di sicurezza della casa (biascicare la parola "amianto").

venerdì, febbraio 07, 2003

Yuri

Tv accesa, dieci di sera. Secondo i teorici della cospirazione Yuri Gagarin non sarebbe stato il primo uomo nello spazio. Che mi importa.

"Vedo dei fiumi. Distinguo bene le pieghe del terreno, la visibilità è buona. Le vibrazioni aumentano, ma è sopportabile. Distinguo delle zone innevate, una foresta, vedo anche delle nuvole. Piccoli cumuli e le loro ombre sul terreno. È bello, è davvero bello".
Yuri Gagarin

Io sono Gagarin.
Per primo ho volato,
e voi volaste dopo di me.
Evgenij Aleksandrovič Evtušenko, "Sono Gagarin, il figlio della terra", 1969)

mercoledì, febbraio 05, 2003

Cronache della città di G.: tajani

Ascoltando una conversazione tra goriziani, in coda alla cassa del supermercato, ripenso a quel modo che da sempre mi affascina e mi disgusta di riferirsi alle persone di origini meridionali e a quelle di origine slava. Nel primo caso "italiani" (abbreviato "tajani"), nel secondo "s'ciavi", oppure genericamente "lori" ("loro"). Il "taiani" è andato scomparendo per far posto a un più convenzionale "meridionali", "s'ciavi" è ancora frequente (ci sono ancora tracce del più affettuoso "jughi").

Da ieri, credo, la Jugoslavia non esiste più. Io continuerò a lasciarmi sfuggire l'espressione – sempre più incomprensibile altrove e sempre meno "correct" – "vado in Jugo".
Evoca cose altrimenti indescrivibili, farne a meno non si può.

sabato, febbraio 01, 2003

La scienza e l'acutezza

"Intorno a me si è fatto il deserto, ma come riempirlo? Trascrivere, fra le altre, due pagine di Marx e credervi fermamente, possedere abbastanza scienza e acutezza per confrontarle con la storia e trovarle giuste, che cos'è tutto questo, se non è solo questo travaglio intellettuale?".
José Saramago, Manuale di pittura e calligrafia.

giovedì, gennaio 30, 2003

Cronache della città di G.: il tanto e il poco

Assemblea di condominio: dare sempre la delega all'unico vicino barricadero. Per scoprire leggendo il verbale di aver votato sempre contro, anche contro la lettura dei contatori dell'acqua, tu e quel vietnamita millesimato.

E poi: "Segue una attenta e articolata discussione sul significato e valore del decoro architettonico. [...] L'assemblea, quindi, non delibera".

Eccola qui, la nostra decorosa accolita di esteti.
Io che di solito non rifletto mai abbastanza sull'importanza della proprietà privata scopro di possedere 5,64 millesimi di "scivolo": mi sembra che apra delle belle prospettive, ma sarà tanto o poco?

Tanto o poco?

martedì, gennaio 28, 2003

Pallini

– Ah signora, come sta?
– Mah.
– Oggi non ho tempo, sa. Arrivederla.
– Sapesse oggi come mi sento balenga.
– Arrivederla.
– Balenga, proprio.

E qua c'è il senso della giornata:



Cioè, pallini di plastica. Usati negli imballaggi, per tenere le cose ben separate e protette.

martedì, gennaio 07, 2003

Propositi

Propositi di felice anno nuovo: stipendiare un cane ex-combattente; convincere F. a tenere un gatto; mantenere la resistenza umana a livello alto; essere molto più buona con gli amici; restituire i cd a T.; convincere U. a collaborare al sito, magari in cambio di qualche registrazione delle finali storiche dell'Australian Open; farla finita con i colori di capelli imbarazzanti; ricordarmi di mettere l'orologio; ricordarmi di puntare la sveglia; usare meno il verbo "implementare"; comprare un antirughe in saldo.

Mirumir, pace al mondo, ma con giudizio.